giovedì, Settembre 19, 2019
Home > Sport > Calcio > Sotto l’ombra Del chinotto – Eppur si muove

Sotto l’ombra Del chinotto – Eppur si muove

Nel ricercare il titolo adeguato all’articolo non ho voluto riferirmi alla celebre frase che sarebbe stata pronunciata da Galileo Galilei  ma alla classifica del Savona che giornata dopo giornata si rimpingua (10 punti in 4 gare sono un gran bel bottino) nonostante le prestazioni fornite non inducano ancora a pensare che si sia trovato l’assetto giusto per poter aspirare alla vittoria finale del girone A della sere D. Ancora una volta gli striscioni rientrano facendo bottino pieno dopo aver espugnano lo stadio Forlano di Stresa (una neopromossa) al termine di un match dal finale al cardiopalma. In pratica vista la proverbiale incidenza degli episodi nel calcio sull’esito degli incontri, della partita (2 a 1 per Venneri e compagni) resteranno il quinto sigillo del ritrovato Virdis, l’autorete di Bratto (che potenzialmente avrebbe potuto chiudere il conto), l’eurogol all’incrocio di Bernabino che all’87° ha gettato alle ortiche il pareggio 2 a 2 facendosi parare un rigore decisivo da Bellussi (secondo penalty consecutivo fallito dallo Stresa dell’ex Paolo Scienza, dopo quello di sette giorni fa contro il Chieri). Negli otto concitati minuti di recupero concessi dal sig.Cannata di Faenza, tanti patemi d’animo (troppi) con l’estremo difensore dei piemontesi Barantani che va vicino ad un clamoroso pari sugli sviluppi di un corner. Tra le annotazioni tattiche si registra la mini rivoluzione operata dal mister Grandoni che ha schierato un 4 -3 – 3 con Cambiaso fin dall’inizio che gioca largo a sinistra al posto di Grani, Bartolini in panchina (al suo posto Miele) e debutto stagionale per Ramon Muzzi vista l’assenza forzata di Piacentini. Tra gli aspetti negativi la tendenza della squadra ad abbassarsi troppo sui finali delle riprese, caratteristica che potrebbe nuocere in prospettiva futura. Questo importante successo vale comunque il secondo posto, al fianco del Ligorna, anche se in vetta e a punteggio pieno, continua a primeggiare la corazzata Lecco che ha inflitto un tris al malcapitato Borgosesia. Domenica 14 ottobre al Bacigalupo arriverà il Sestri Levante  che contro la Folgore Caratese del neo coach Emilio Longo (subentrato in settimana a Sandro Siciliano) ha raccolto il suo primo punto in classifica dove si trova in coppia col Borgaro all’ultimo posto. Calendario ancora favorevole ma prima, però, mercoledì 10 ottobre alle ore 18,30, ci sarà la super partita di Coppa Italia in trasferta contro l’Unione Sanremo e la tifoseria Vecchio Stampo è già in fibrillazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *