lunedì, Novembre 18, 2019
Home > Attualità > Sotto l’ombra Del chinotto (Extra) – Il destino di essere una “roccia” (e non un sasso che rotola)

Sotto l’ombra Del chinotto (Extra) – Il destino di essere una “roccia” (e non un sasso che rotola)

Carissimo Valentino,
voglio iniziare così a ricordare a tutti, nei giorni tristi della tua scomparsa, quale è stato il tuo destino in questa vita. Nel momento in cui quanti ti hanno conosciuto ed apprezzato, faranno ricorso alla memoria e ti ritroveranno a stagliare nella loro mente con quell’alea di leggenda che ti trascinavi appresso, voglio dire di te, ciò che hai rappresentato nel mondo dello sport (del calcio, in particolare)  ed anche in quello al di fuori di esso. Leggendarie resteranno nel tempo le tue gesta nel club biancoblù del Savona, la società delle tua città dove hai militato con merito per la maggior parte della tua carriera divenendone anche il primatista assoluto in termini di presenze (ben 317). Sei stato un grande capitano, che ha preso per mano la squadra nella buona e nella cattiva sorte, conducendola dall’inferno dei campionati regionali fino alla cadetteria, nel giro di un intero decennio a partire dal debutto nel 55 sino ad arrivare nel 1966/67 a quella mitica Serie B che tutti ci portiamo ancora nel cuore.Quel giorno di giugno (domenica 4) io ancora ragazzino ero con mio padre, a tifarti dall’anello superiore di uno stadio Bacicalupo gremito sino all’orlo di pubblico e ad applaudirti per la vittoria sulla Sampdoria (che aveva alimentato speranze di salvezza poi dissoltesi in quel di Catania) grazie ad una doppietta di Gilardoni e alla tua arcigna marcatura dedicata al capocannoniere Francesconi .Per non parlare della tua seconda fase di vita sportiva nelle vesti di allenatore. Quante squadre, quante città, quanti successi. Su tutte la tua Savona. Finalmente nella stagione 1977/78 hai potuto sedere sulla panchina per te più affascinante ed emozionante. Fu un vero e proprio capolavoro che ti portò a vincere il campionato di serie D e a riportare gli striscioni tra i professionisti a disputare il primo anno di C2. L’anno successivo per riconoscenza non avvenne la tua riconferma. Ripenso a quell’estate travagliata e alle trattative (non c’erano i telefonini cellulari). Si partì con mister Agosti e con presidente Michele Viano ma a gennaio grazie al tuo ritorno e ai gol di due campioni come Pierino Prati e Antonio Marcolini ( che mai dimenticheremo) riuscisti a condurre il Vecchio Delfino ad una salvezza da brividi ottenuta solamente all’ultima giornata con il 2-0 rifilato in trasferta al Derthona. Da quel biennio poi, ancora una lunga cavalcata conclusasi nel 94 a Licata alle soglie dei sessant’anni. Inizia così il tuo terzo ciclo, quello che ti ha visto dedicarti all’agenzia immobiliare e ai figli Fabrizio ( il più grande, che ha esordito in serie C col Savona) e Stefano ( il più piccolo che è arrivato fino agli “Allievi”, prima di togliersi grosse soddisfazioni fra i dilettanti diventando un difensore col vizio del gol e dei tornei vinti e che ahimè, ci ha lasciati prematuramente nel 2015 a soli 44 anni a causa di una gravissima malattia). E’ ai tuoi nipotini Emilia e Amerigo ( figlio d’arte classe 2005 con la stessa passione di famiglia per il calcio) che è corso il mio primo pensiero non appena ricevuta la spietata notizia. A loro voglio rivolgermi e stringendoli forte in questo giorno di dolore ( provo ad immaginare il loro stato d’animo a pochi anni dalla terribile perdita del giovane padre) a nome di tutti gli sportivi e di tutti gli amici confortarli con queste parole :” Vostro nonno, così come vostro padre, nella vita sono stati delle “rocce” e non dei semplici sassi che rotolano. Il loro coraggio, la loro forza, la loro tenacia, serva da esempio a noi tutti, per sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *