giovedì, Ottobre 17, 2019
Home > Sport > Calcio > Sotto l’ombra Del chinotto – Noblesse oblige

Sotto l’ombra Del chinotto – Noblesse oblige

Voglio partire così, dalla frase che viene attribuita allo scrittore francese Pierre-Marc-Gaston de Lévis e che sta ad indicare che i titoli nobiliari impongono, a coloro che li possiedono, comportamenti in linea con il proprio stato sociale. In senso più ampio (anche in tono ironico o scherzoso) faccio presente che oggi l’espressione viene però usata per lo più con un altro significato (quello a cui mi intendo riferire), ovvero per indicare gli obblighi di comportamento che derivano non solo dal proprio stato sociale, ma anche dall’opinione di cui si gode o che si ha di sé stessi. Ebbene, ritengo che nel trittico di partite disputate (3 derby 3) nel giro di una settimana dal nuovo Savona di Patrassi e Papa vi siano state difettosità e limiti che abbiano assolutamente da essere corrette per tempo. D’accordo che il progetto gestionale e tecnico sia ancora in una fase sperimentale di avvio e d’accordo che a quanto pare non ci sia lo spauracchio Lecco a far rinunciare di aspirare al titolo anticipatamente (occhio però al Prato, neo capolista e forte di un filotto di 4 gare vinte, della miglior difesa e del migliore attacco). Se però hai l’onore e l’opportunità di difendere le sorti della gloriosa maglia biancoblù (noblesse, per l’appunto) ai anche oneri e responsabilità (oblige) da assumerti.E questo vale sia in termini di risultati raggiunti ( a tutt’oggi si è noni e nemmeno in quota play) sia in termini di atteggiamenti e livelli comunicativi. Ha sconcertato lo sfogo inaudito di Ghinassi che dopo aver pareggiato in extremis l’incontro con la Lavagnese (un colpo di testa in pieno recupero sulla punizione calciata da Disabato che ha fissato il 2 a 2 finale) ha pensato bene di inviare gesti e di scagliare epiteti estremamente polemici verso la tribuna anzichè esultare per il pericolo “sconfitta” evitato. Vorrei segnalargli che si stava perdendo in casa con la penultima in classifica (due soli punticini all’attivo), che si erano incassati due gol grazie ad evidenti errori difensivi da cui non può chiamarsi fuori e che lo stesso rientrava dai due turni di squalifica presi con la Caronnese. A causa della sua “caratterialità” (quella che nel tentare di giustificarsi lo avrebbe tradito) quella espulsione diretta a 5’ dalla fine aveva impedito alla squadra rimasta in 10 di effettuare il forcing per provare a impattare.Reggere le pressioni di una piazza importante come è la nostra Savona calcistica ( con tutto il rispetto non siamo il San Donato Tavarnelle) dovrà essere un imperativo per lui in primis e per tutti gli altri giocatori se si vorrà provare a centrare l’obiettivo e questo vale anche per la marea di ammoniti, una cifra che non depone a favore di chi aspira a essere primatista. Contava solo vincere ( uso le stesse parole) e non si è vinto, e qui mi riferisco al mister Siciliano. Dire che la qualità del gioco è in crescita non trova riscontro oggettivo men che meno se si confrontano le fattezze delle due reti realizzate dagli uomini di Nucera  con quelle degli striscioni (nella fattispecie, mi riferisco all’azione ospite del provvisorio 2 a 1:  il centravanti bianconero Edoardo Oneto, prima punta, ha sfruttato alla perfezione un grande suggerimento con il petto da parte di Romanengo imbeccato a dovere e con un preciso tocco rasoterra ha fulminato Vettorel). Sostenere che si sia mossa la graduatoria facendo un misero punto è uno sterile tentativo di ridimensionare la debacle anzichè analizzarne le cause e di lì ripartire.Se poi fosse invece un problema di “tasso” allora entreremmo in un altro tipo di analisi che và oltre il  modulo adottato, la gestione dei 5 cambi e la scelta dell’undici base. Sia l’incapacità di creare palle gol (le conclusioni nascono prevalentemente da spunti individuali) sia la scarsa attitudine al tiro dalla distanza (le conclusioni off limits in sequela di Buratto e di Disabato, tanto per rinfrescare la memoria, lasciano ampiamente intendere ciò) inducono a mettere in dubbio la forza del reparto di centrocampo (dopo 6 match si può già dire) in attesa del rientro di Obodo che per la verità era apparso fuori condizione.Tanti volenterosi cursoni e interditori bel al di sotto del livello che necessita per compiere il salto. Manca il pezzo pregiato, il play, il leader. La stessa Sanremese con i vari Spinosa, Taddei, Likaxhiu, direi che ha più spessore. Domenica si và a Lucca ad affrontare una realtà in ribasso che non ha mai vinto e che se nel recupero Ligorna e Lavagnese dovessero dividersi la posta sarebbe la penultima di turno. Provassero a far la partita i toscani penso che saremmo agevolati potendo usufruire delle ripartenze dei vari Tripoli, Giovannini, D’Ambrosio. Viceversa temo fortemente che questo gruppo in trasferta sia in grado di imporre.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *