CalcioSport

“Sotto l’ombra Del chinotto”. Quando soffia la “buriana” si salvi chi può

Freddo da record, temperature in picchiata, nevischio e soprattutto vento forte, hanno caratterizzato la 25^ giornata della serie D girone E. Difficilissimo fare un punto sulla situazione delle ns squadre provinciali visto che le condizioni meteo hanno disturbato l’andamento delle gare considerando che la consueta importanza degli episodi ha inciso ancor più nettamente sullo sviluppo del gioco. Partiamo comunque dalla “prova di forza” dell’Albiissola 2010 che in un Faraggiana imbiancato e gelido ha avuto la meglio sulla rinvigorita Argentina (l’aspetto motivazionale da adesso alla fine avrà un peso notevole sull’esito delle partite) grazie ad un rigore provocato dal capitano rossonero Fiuzzi ( poi espulso) a 7 minuti dal termine e trasformato Bennati (ce n’è voluta per far star ferma la palla sul dischetto). Ecco così arrivare altri 3 punti in saccoccia per i ceramisti (che erano senza i big Sancinito e Cargiolli) proiettati in piena zona play off a quota 42 che già domenica disputeranno un primo virtuale spareggio con il Real Forte. Torna dal Riboli ancora una volta a mani vuote il Finale, battuto in rimonta dalla Lavagnese (doppietta di Mobilio) dopo essere passato in vantaggio con De Martini. Si è trattato del secondo stop consecutivo in trasferta, in sette giorni dopo quello a Savona, che ne fa peggiorare la classifica (quindicesimo posto con 26 punti) e che non dona tranquillità all’ambiente visto che al termine del campionato mancano solamente 9 giornate. Nel prossimo match (derby con il coriaceo Ligorna) toccherà a Virdis (ultimamente appannato) e Capra (rientrato dalla squalifica ma non ancora al top) spazzare via i dubbi sul valore di un gruppo che seppur stia spesso soccombendo sotto l’aspetto dei risultati dimostra di essere vivo sotto il profilo dell’impegno. E veniamo al Savona. Mi spiace essere considerato una voce fuori dal coro ma provo difficoltà a ritenere un buon punto quello conquistato dagli striscioni a Bagni di Lucca. D’accordo che la striscia positiva si è allungata a sette sigilli,  d’accordo che il Ghivizzano sia invischiato in piena lotta retrocessione, d’accordo che il ghiacciato Stadio delle Terme potesse rivelarsi insidioso. Ma se si considera che già dal 4° del primo tempo gli uomini di Chezzi si sono trovati in vantaggio (gol del solito Gomes), che il pareggio dei toscani è avvenuto solo su rigore a seguito di una ingenuità di Ferrando, che lo spauracchio Di Paola è stato annullato e che dal 25° della seconda frazione gli avversari sono rimasti in dieci (espulsione di Diana per doppio giallo) ritengo che si siano persi due punti che peseranno molto alla resa del conteggio finale. Spero non sia così ma la prestazione con il Borgoamozzano rientra nel novero di quelle fornite con lo Scandicci ed Il Montecatini e sarà il Seravezza di scena al Bacigalupo prima della sosta a dirci se questo Savona abbia le carte in regola per aspirare a traguardi ambiziosi.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: