sabato, Gennaio 25, 2020
Home > Sport > Calcio > Sotto l’ombra Del chinotto – Savona Calcio nuova gestione : Coppa Italia buona la prima !

Sotto l’ombra Del chinotto – Savona Calcio nuova gestione : Coppa Italia buona la prima !

Ecco la prima ufficiale per il nuovo Savona targato Patrassi ed ecco la prima vittoria con un  Siciliano raggiante ancora impegnato tra tra Coppa e mercato e con una rosa ancora in via di definizione, visto che dopo gli arrivi di Lo Nigro, Fricano e Obodo, sono attesi ancora una punta di peso e un paio di giovani in vista dell’inizio del campionato oramai prossimo. Con la Fezzanese  (vittoriosa domenica scorsa ai rigori in casa della Lavagnese) al “Chittolina” di Vado (in attesa dell’inizio dei lavori per risistemare il manto erboso del Bacigalupo) si è giocato prevalentemente per acquisire una mentalità vincente, una condizione mentale che l’ambizioso Savona dovrà obbligatoriamente avere. La lotteria dei rigori ha dato ragione ai biancoblù al termine di una gara in chiaroscuro. Il mister Sandro Siciliano ha visto tanti aspetti positivi e qualche punto da migliorare: “Il superamento del turno è una grande gioia, e ci fa molto piacere perché vogliamo ricreare entusiasmo e portare tanti tifosi a divertirsi. Circa la partita,p rimo tempo decisamente male e secondo tempo bene. Peccato per l’espulsione un po’ ingenua perché probabilmente, al di là del rigore non trasformato avremmo forse potuto chiuderla prima. Caldo, condizione ancora approssimativa e inferiorità numerica e quant’altro hanno portato a chiudere in contenimento . In questo momento però stiamo lavorando molto perchè dobbiamo portare alla migliore condizione i giocatori che sono arrivati dopo. Alcuni sono arrivati addirittura gli ultimi giorni. Probabilmente anche un pochino di emozione davanti a una buona cornice di pubblico amico, e la prima uscita, hanno condizionato la gara. Loro bene, perchè sono una squadra che gioca insieme già da qualche anno, sono rodati, di conseguenza mi sono piaciuti. Abbiamo preso gol anche subito, subito; un po’ tutto l’insieme, e siamo andati nel pallone, e a volte siamo rimasti un po’ presi lì anche nella situazione possesso. Però nel secondo tempo i ragazzi hanno reagito molto bene, sono partiti con il piede giusto e hanno avuto le occasioni, oltre al rigore, per pareggiare e andare in vantaggio. In generale non è piaciuto Vita (malessere in nottata a giustificazione), mentre Nicolas Amabile quando è entrato ha fatto la differenza. Se avesse avuto la freddezza di controllare quella palla, probabilmente la chiudevamo prima; però si è fatto trovare pronto, ha aiutato, è rientrato, e ha fatto l’assist del gol“. I primi tre rigoristi sono stati tre giocatori entrati nel secondo tempo. Loro si sono proposti e li hanno tirati tutti molto bene e di conseguenza meritano un plauso. C’è ancora tanto lavoro da fare ma la cosa di cui siamo convinti è che stiamo allestendo una squadra importante. Ci vorrà la pazienza di aspettare che tutta la rosa sia in condizione, o comunque i giocatori più determinanti, che sono anche appena arrivati. Poi la situazione, al di là della duttilità del sistema di gioco, sarà anche determinare un sistema principale e poi di conseguenza le varie alternative. Siamo un cantiere, work in progrees ma se il buon giorno si vede dal mattino, sono convinto che si potrà far bene.
Stiamo ancora cercando una prima punta e uno o due giovani, però oggi a testimonianza del gruppo i ragazzi che sono andati in campo si sono fatti trovare preparati, sia chi è entrato dopo che chi è stato chiamato all’inizio. Roberto Patrassi, patron del Savona, appare estremamente soddisfatto per il passaggio del turno in Coppa Italia : “Sono contento – ha dichiarato. L’importante era vincere, che fa morale, e aiuta a star meglio. Gli innesti ci sono, ne faremo altri, diamo tempo al tempo.Siamo arrivati e partiti in ritardo, però ho visto che gli innesti sono buoni. Abbiamo concretezza, con ulteriori innesti andremo sicuramente meglio“. Sono iniziati intanto i lavori per la rizollatura del manto erboso al Bacigalupo di Savona. Quali saranno i tempi necessari ad ultimarli? Io non sono un tecnico della materia – ha ribadito.Ottimisticamente, direi fine ottobre. Nella peggiore delle ipotesi, penso a metà novembre”. La rosa è da rinfoltire e spero quindi vivamente di portare anche un nome eclatante che possa riscaldare la piazza. Chiaramente non posso pensare ad un giocatore di Serie B o di Serie A, però ho in mente un giocatore che ha nome, che abbia già fatto un paio di campionati di Serie D e il cui nonno ha alzato la coppa nel 1964 a Wembley.Nel 1964 la Coppa dei Campioni venne vinta dall’Inter a Vienna, la prima del biennio Herrera. L’anno precedente però, nel 1963, fu il Milan ad alzare al cielo il massimo trofeo continentale, proprio sul prato di Wembley. Prima formazione italiana, peraltro, a imporsi in campo europeo dopo il dominio di un lustro del Real Madrid e dopo al Benfica di Eusebio. Il capitano di quella squadra era Cesare Maldini, per cui a buon intenditor….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *