domenica, ottobre 21, 2018
Home > Sport > Calcio > Sotto l’ombra Del chinotto – Serie D savonese : un’avventura che continua a stupire

Sotto l’ombra Del chinotto – Serie D savonese : un’avventura che continua a stupire


di Felicino Vaniglia - 15 maggio 2018, 20:05

Nel mentre l’Unione Sanremo vincendo per 1 a 0 contro il Viareggio (rete di Lo Bosco) vola in finalissima play off dove domenica 20 troverà incontrandolo al Comunale delle Palme il Ponsacco anch’esso reduce dal 3 a 2 sul Real Forte Querceta (giocato a porte chiuse a Ponte a Egola per la famosa squalifica in cui sono incappati i toscani) nella nostra provincia nonostante la chiusura del campionato si susseguono a go go, rumors ed indiscrezioni che proviamo qui a ricapitolare per il piacere e la curiosità dei nostri, sempre in costante aumento, affezionati followers.Sul fronte Finale sembrerebbe profilarsi un ripensamento di Pietro Buttu il quale dopo lo scoramento iniziale dovuto alla cocente retrocessione e la fisiologica demotivazione abbinabile di fatto alla virtuale chiusura di un ciclo decennale, potrebbe ritrovare una certa sintonia di intenti con il suo gruppo storico formato dal dg De Min e dal ds Cazzullo che coadiuvandolo ad assorbire l’effetto prodotto dalla ricaduta in Eccellenza sta cercando di stimolarlo alla salvaguardia della mission societaria che pur in una stagione difficile ha registrato una rivalorizzazione grazie ai notevoli progressi registrati dai tanti talenti (Lala, Buonocore e Piu, reduci dalla bella affermazione nella Juniores Cup 2018, su tutti) portati a battesimo al punto da accreditarsi (seppur solo simbolicamente) il primo posto nella speciale classifica Giovani D Valore.Sul fronte Savona regna una calma solo apparente. La piazza si sente inevitabilmente tradita nelle aspettative e la delusione sale se la si relazione a quanto di grande sta avvenendo sulle vicine rive del Sansobbia. Dopo il rompete le fila di martedì scorso con tanto di cena di fine attività le news riguardano prevalentemente il problema della riconferma di mister Chezzi (fattasi improvvisamente meno certa viste le presunte voci di mercato che lo indicano tra i papabili di alcune panchine primavera di area emiliana) e del rifacimento del terreno di gioco del Bacigalupo (in concessione ai biancoblù sino al 30/6/2021) un progetto per cui se trasformato in erba sintetica occorrerebbero all’incirca 450 mila euro e a tal fine una delegazione sarà a Coverciano per perfezionare quali procedure servano per ottenere dal Credito Sportivo un finanziamento a tasso zero. Dopo la sbornia dipendente dall’entusiasmante epilogo della trionfale cavalcata che vi abbiamo fedelmente descritto e che ha portato nella storia  l’Albissola del trio Colla – Saviozzi – Fossati con l’approdo in C sono comparsi i primi seri grattacapi da risolvere. Il clamoroso 4 a 4 valido per la poule-scudetto rimediato dai ceramisti in quel di Rimini stadio Neri ( dove Cargioli e compagni pur in vantaggio per 4 a 1 a sei minuti dal triplice fischio si sono fatti sorprendentemente raggiungere) rispecchia quanto sia improvvisamente cambiato il piano generale di riferimento a seguito della salita in Lega Pro. Sul tavolo nell’immediato occorrerà trovare soluzioni urgenti per tre priorità : 1) una ottimale ristrutturazione dell’organigramma adeguandolo alle nuove esigenze (la Dott.ssa Claudia Fantino moglie del Main Sponsor Gianpiero Colla e presidente onorario circondandosi di figure professionali qualificate risulterebbe stia già lavorando in questa direzione); 2) la ricerca di un impianto a norma dove disputare le gare della prima squadra vista l’inadeguatezza del Faraggiana (nella riunione fissata dalla Lega a Firenze e riservata alle neo promosse verranno ribaditi gli adempimenti e gli obblighi che regolamentano la materia e verrà ricordato che il 20 giugno scadranno i termini di presentazione della documentazione attestante l’osservanza dei criteri infrastrutturali qualora si dovesse predisporre il Chittolina di Vado Ligure, presidente Tarabotto ed amministrazione pubblica permettendo, a tale impiego); 3) la querelle relativa al settore giovanile con la conseguente questione dei premi di preparazione da saldare e la composizione di rose competitive per affrontare degnamente tornei di fascia nazionale. Ai posteri l’ardua sentenza!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *