mercoledì, Giugno 26, 2019
Home > Sport > Calcio > Sotto l’ombra Del chinotto – Si critica portando idee e non dando solo colpe

Sotto l’ombra Del chinotto – Si critica portando idee e non dando solo colpe

Le critiche costruttive (quelle che per intenderci che da tempo sono orientate ai vertici del club biancoblu e più recentemente anche a mister Grandoni) fanno parte in una società civile ed evoluta, di una comune conversazione e relazione, mirano infatti, a fornire informazioni utili per la soluzione di un problema, a chiarire la natura di una legittima lamentela o ad esprimere un’opinione del tutto giustificata rispetto alla situazione. Ciò che le differenzia dalle critiche manipolative consta nel  limitarsi a descrivere i fatti e più precisamente nel riferirsi ai comportamenti e alle scelte poste in essere, non alle persone in quanto tali. Spesso si traducono in ammonizioni o rimproveri per uno errore commesso specie in ambito lavorativo/professionale. Reputo pertanto che gran parte della  preparata e qualificata stampa giornalistica savonese, quando interviene lo fa in maniera argomentata, lo fa perché vuole bene ai colori e alla città, lo fa perché vuole contribuire (per l’appunto in maniera costruttiva) a migliorare e ad arricchire un rapporto, e non perché spinta a voler  prevaricare e a imporsi emettendo giudizi su chi ha eventualmente sbagliato. Non saper accettare tali critiche (un destino che a turno accomuna gli attuali condottieri del Savona Calcio) è sinonimo di debolezza.”La critica – come sosteneva Sir Winston Churchill –   può non essere piacevole, ma è necessaria. Compie la stessa funzione del dolore nel corpo umano. Richiama l’attenzione su uno stato malsano delle cose. Se è ascoltata in tempo, il pericolo può essere evitato; se viene messa da parte, si può sviluppare un morbo fatale“. Si può anche andare per la propria strada (cito testualmente) senza curarsi delle fondamentali critiche, ma ritengo che questo atteggiamento oltre che presuntuoso sia strategicamente perdente.Prima o poi cadi, a meno che tu non sia invincibile o più semplicemente che a sorreggerti non ci sia la fortuna del momento. In questa mia premessa credo si riconoscano i limiti strutturali e tecnici di una squadra che come ripetutamente anticipato dopo una prima fase di campionato in cui ha affrontato compagini non di primo piano si è arenata quando ha dovuto alzare l’asticella incontrando rivali più agguerriti dimostrando tra l’altro di non possedere una propria identità di gioco. Credo che le responsabilità vadano ricercate in come è stata costruita e di seguito in come è attualmente gestita.Fatto sta che una Lavagnese imbottita di under, priva di 8 super titolari, undicesima in classifica e proveniente  da un secco 3 a 0 in trasferta contro la Folgore è uscita dal Bacigalupo (con l’ex Luca Tabbiani orgogliosamente in testa) tra gli applausi al termine di una partita finita 2 a 2 ma vinta nettamente ai punti, mentre Garbini e compagni si vedono costretti ad abbandonare anticipatamente qualsiasi ambizione di primo posto (-11 dal Lecco e -9 dalla Sanremese). Le domande sono conseguenti :

E’ stato saggio non far partire dall’inizio il giocatore simbolo Virdis preferendogli l’inconcludente ed inesperto Muzzi?
E’ stato giusto far calciare il rigore a Piacentini quando dall’altra parte tra i pali c’era il suo ex compagno albissolese Caruso?
E’ lungimirante cercare giocatori fuori regione quando a km zero si possono trovare elementi della qualità di Oneto che ha fatto letteralmente “ballare” l’intera retroguardia?
E’ possibile evitare di persistere nella lunga sequela di cartellini rossi “inutili” che contraddistinguono, indipendentemente dai ruoli, il cammino dei nostri?
E’ valutabile operare un cambio di impostazione che preveda la movimentazione palla a partire dai centrali passando magari per un play basso modificando la deleteria tendenza a giocare palla “sopra”?
Vedremo le risposte certi di aver voluto dare ancora una volta un contributo “costruttivo” ad una causa, quella del Savona, che ancor prima di essere un giocattolo di pochi, è un patrimonio di un’intera comunità sportiva, culturale e affettiva. Sabato 8/12, in Brianza, nell’anticipo fissato alle ore 15.00 con la Caratese, aggiungeremo un capitolo alla saga. Intanto per ora al centrocampista Edoardo Degl’Innocenti (esordio in chiaro scuro, da ennesimo trequartista ) si aggiungerà tra le novità del mercato di riparazione l’attaccante Angelo Lombardi (classe 90 ex di Gavorrano e Massese : speriamo faccia a sportellate oltre che segnare visto che ce n’è bisogno). Finisco dedicando un incoraggiamento a mister Grandoni, apprezzato al di là dei demeriti a livello di impostazione, per essersi accollato integralmente le responsabilità della mancata prestazione al fine di difendere e tutelare il gruppo.Juventus e Napoli gli stanno meritatamente davanti e ne sta prendendo atto, ma vorrei ricordare a chi di dovere che noi tutti (Ultras in primis) siamo da sempre i primi sostenitori del grande Savona e come tali, in quanto nati sotto l’ombra del chinotto e della Torretta (non se ne abbia nessun genovese qualora si sentisse non appartenente a questa storica identità), ci teniamo tanto al suo glorioso blasone. In quanto savonesi, calcisticamente parlando, non ci sentiamo terzi a nessuno se si parla di serie D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *