CalcioSport

Sotto l’ombra Del chinotto – Tirèmm innànz

Rischia di passare quasi inosservata l’ennesima impresa dei biancoblù in quel dell’ Attilio Bravi ( 1 a 0 contro un Bra con l’acqua alla gola grazie ad una prestazione gagliarda impreziosita dalla rete di testa del gioiellino Giovannini) se commisurata alla grave situazione in cui la società di via Chiabrera versa e che potrebbe a breve addirittura subire un’accelerazione in negativo.Di lì il titolo dell’articolo quasi a voler chiosare un comune “sentiment” o a interpretare lo stato d’animo di mister De Paola e del suo staff, giocatori compresi. Spesso le origini di certi modi di dire dialettali si perdono nel tempo e non è possibile spiegarli, ma in alcuni casi particolari è possibile sapere perché una determinata espressione è entrata nel parlato quotidiano: è il caso del meneghino di “tirèmm innànz”
il cui significato è semplice: “tiriamo avanti”.Alla domanda che di norma sorge spontanea :“’Me te stee?” la risposta altrettanto immediata :“Eh, tirèmm innànz”.Dietro questa semplice espressione dialettale, però, si nasconde una storia eroica che risale a poco tempo dopo le Cinque Giornate di Milano e mette in luce un eroe : Amatore Sciesa. Nel nostro caso visto che il contesto di riferimento del club è l’area milanese mai tale detto si è prestato così splendidamente per riassumere gli umori del gruppo.Fare calcoli di aggancio alla zona play off, seppur legittimi, può far perdere di vista i veri problemi a cui occorre far fronte giornalmente per riuscire in maniera decorosa a “tirare avanti” (per l’appunto). Il colpaccio esterno degli striscioni, tornati al successo dopo due turni, passa in secondo piano e viene riassorbito da aspetti extra campo.Sarà difficile prevederne gli sviluppi specie se ha ciò si aggiunge il momento di difficoltà attraversato da tutto il movimento a causa degli effetti devastanti dell’epidemia del Coronavirus. Per adesso oltre al rinvio del prossimo turno (gara interna di ritorno con i quotati toscani del Real Forte Querceta)
e al blocco degli allenamenti (settore giovanile compreso) l’attenzione è concentrata sugli esiti delle vertenze poste in essere da tesserati della scorsa stagione. Dopo Piacentini e Muzzi la Commissione Accordi Economici ha dato ragione anche a Francesco Virdis, Pablo Garbini e Marco Tognoni : si tratta di un’altra mazzata di 14.200 euro globali da mettere in preventivo.D’accordo che il presidente Sgubin e l’avvocato Sergi avranno tempo 30 giorni per provvedere ai pagamenti prima che gli atti passino alla Procura Federale, ma il fatto stesso di dare priorità a questa emergenza, impensierisce non poco un gruppo che nonostante continui stoicamente a prodigarsi per salvare il salvabile pare giunto al limite di sopportazione.Dovessero arrivare le automatiche penalità in caso di inadempienza anche lo spauracchio della retrocessione potrebbe farsi spazio.In attesa di novità salienti e di quel famoso comunicato stampa preannunciato il 16 gennaio (in ritardo come i tanto auspicati rimborsi),la parola d’ordine resta “tirèmm innànz”. Avremmo voluto focalizzarci sul ritorno in positivo di Obodo, o sulla prosecuzione della favola Kacellari, o sulle prodezze del tridente Gio-Sia-Stro, o sulla brillante e fortunata panchina di Barresi, ma non abbiamo potuto astenerci dal dare la prevalenza a ciò che succede attorno a questi meravigliosi ed impavidi protagonisti. Meravigliosi ed impavidi come quei cinquanta supporters che ancora una volta hanno seguito con amore e passione le sorti del Vecchio Delfino!

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: