mercoledì, dicembre 19, 2018
Home > Sport > Calcio > Sotto l’ombra Del chinotto – Un turno di riposo per il campionato di serie D

Sotto l’ombra Del chinotto – Un turno di riposo per il campionato di serie D


di Felicino Vaniglia - 13 marzo 2018, 8:44

Le squadre partecipanti al torneo interregionale (compreso le tre nostre provinciali) si sono fermate in concomitanza col Torneo di Viareggio, il tradizionale torneo internazionale per squadre giovanili. Alcune ne ha approfittato per disputare un’amichevole a porte chiuse  altre hanno rimediato  con un allenamento al test saltato, visto che si riprende domenica 19 marzo:, turno nel quale l’Albissola in casa incontrerà la Massese e il Savona a San Donato Tavarnelle ed il Finale a Ghivizzano saranno in trasferta. Anzichè occuparci delle beniamine che seguiamo con tanta passione ci piace dare risalto in questa occasione all’evento che si svolge in Toscana e che rappresenta la manifestazione calcistica giovanile più importante a livello internazionale. Questa 2018 è la settantesima edizione del torneo riservato alle formazioni giovanili e organizzato dal CGC Viareggio. La competizione si svolgerà tra il 12 e il 28 marzo. Per la seconda volta in settanta edizioni, una partita del torneo viene disputata fuori dalla penisola. Infatti, il match del girone 7 tra Cagliari e i colombiani del Deportes Quindío verrà disputato il 13 marzo in casa dei sardi alla Sardegna Arena. Le 40 squadre partecipanti, saranno divise in dieci gironi da quattro ciascuno e si incontreranno in gare di sola andata della durata di 90 minuti. Verranno ammesse alla fase successiva le cinque squadre prime classificate di ciascun girone e le migliori tre seconde arrivate di ciascun gruppo, per un totale di 16 club ammessi alla fase finale.
Questa la composizione dei due gruppi:GRUPPO A Girone 1: Empoli, Virtus Entella, Rappresentativa Serie D, Livorno.Girone 2: Sassuolo, Bruges (Belgio), Spezia, Abuja (Nigeria).Girone 3: Inter, A.P.I.A. Leichhardt (Australia), Parma, Nania (Ghana).Girone 4: Sampdoria, Partizan Belgrado (Serbia), Venezia, Pisa.Girone 5: Torino, Cina Under 19 (Cina), Perugia, Paganese. GRUPPO B Girone 6: Juventus, Rijeka (Croazia), Benevento, Euro New York (Stati Uniti).Girone 7: Bologna, FK RFS (Lettonia), Cagliari, Deportes Quindio (Colombia).Girone 8: Milan, Cai (Argentina), Pro Vercelli, U.Y.S.S. New York (Stati Uniti). Girone 9: Fiorentina, Pas Giannina (Grecia), Ascoli, Pontedera. Girone 10: Genoa, Az Alkmaar (Olanda), Spal, Lucchese. Con nove vittorie a testa sono Milan e Juventus a detenere il primato di squadre più titolate del torneo. In dieci occasioni invece ad alzare il trofeo è stato a un club straniero con il Dukla Praga capace di imporsi per ben sei volte tra il 1964 e il 1980.
Il Viareggio è un evento nato nel lontano 1949 per merito del Centro Giovani Calciatori di Viareggio. Dieci le squadre al via della prima edizione, con il Milan vittorioso in finale dopo aver travolto la Lazio per 5-1. Due anni più tardi la Coppa non parla italiano e il Partizan Belgrado diventa il club straniero a iscrivere il proprio nome nell’albo d’oro. Il torneo è andato avanti negli anni allargando il numero di squadre e conquistando l’interesse dei media e delle televisioni. Nel 1965 fu addirittura la monetina a decretare un vincitore (in quel caso fu il Genoa ai danni della Juventus) anticipando di tre anni ciò che sarebbe poi accaduto nel corso dei Campionati Europei di calcio. Nel 1971 l’epilogo fu un derby della Madonnina in versione Primavera con l’Inter capace di superare in rimonta i cugini rossoneri. In quella squadra giocarono titolari due ragazzi che dieci anni dopo avrebbero alzato la Coppa del Mondo nella celebre serata di Madrid 82: Ivano Bordon e Gabriele Oriali. Di futuri campioni però ne sono passati tanti presso lo stadio viareggino. Nel 1994 fu Alessandro Del Piero a regalare il trofeo alla Juventus, realizzando il golden gol nell’atto decisivo contro i rivali della Fiorentina. Nel 1998 Viareggio ha festeggiato le cinquanta candeline; in quell’occasione a destreggiarsi fu il Torino, una delle società che negli anni ha mostrato di puntare molto sul settore giovanile portando alla luce diversi talenti.Tanti gol, ma anche episodi poco legati al mondo del calcio come nel 2004 quando tre giovani calciatori camerunensi si diedero alla fuga, suscitando scalpore tra gli addetti ai lavori. Situazione che si è ripetuta nel 2007 stavolta con i senegalesi del De Camberene. Nel 2008 invece le principali attenzioni furono dedicate a Mario Balotelli, allora giovanissimo ma inquadrato da molti come il futuro idolo della nazionale; una previsione che arrivò quasi a concretizzarsi nella finale europea del 2012, poi la parabola discendente di Super Mario incappò in problemi di spogliatoio che intaccarono la sua carriera con l’Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *