venerdì, Settembre 20, 2019
Home > Sport > Calcio > Sotto l’ombra Del chinotto – Una vittoria che vale triplo

Sotto l’ombra Del chinotto – Una vittoria che vale triplo

Parte bene il percorso casalingo del nuovo Savona formato Patrassi-Papa e non solo perchè è arrivato il primo successo in un campionato che dovrebbe/potrebbe riportare i biancoblù nel calcio che conta.La netta vittoria sul pimpante Verbania per due reti a zero non dice tutto dal punto di vista emozionale. Prima i due rigori sbagliati in successione da Tripoli ed Obodo (ci ha messo del suo anche l’ottimo portiere ospite Russo), poi a seguire le perle di Vita ( sino a quel momento impacciato e fuori ruolo) e del solito Tripoli (con l’eurogol del riscatto) uniti al calore del pubblico delle grandi occasioni ( 700 spettatori sul sintetico del Chittolina di Vado Ligure visti i lavori in corso al Bacigalupo, tanti dei quali riavvicinatisi al vecchio delfino grazie al tanto atteso e desiderato cambio di proprietà) e alle bizze del tempo settembrino ( pioggia a dirotto nell’intervallo) hanno trasformato l’incontro in uno di quei capolinea epici imperdibili della serie “io c’ero”. Se si considera l’inevitabile tensione della prima uscita interna, il fatto che Ghinassi, Dinane e D’Ambrosio, fossero al debutto ufficiale con la maglia degli striscioni, il ritardo di preparazione di alcuni elementi dovuto ai noti fatti collegati al subentro, e tutto sommato l’aver di fronte una squadra di buona caratura seppur neopromossa, non si può che essere soddisfatti sia della prestazione che del risultato. L’aver segnato oltre il 70° denota la volontà e la determinazione di un gruppo che per qualità e quantità surclassa di gran lunga l’organico allestito la scorsa stagione dal tandem Cavaliere – Canepa eccezion fatta per il bomber Francesco Virdis che francamente ci piacerebbe veder giostrare ancora al centro dell’attacco (speriamo tanto in un suo ritorno : lo meriterebbe per storia sportiva e attaccamento ai colori sociali e alla città).Certo la condizione è ancora da migliorare, così come gli automatismi, ma la mentalità è parsa quella di una “grande” che attende, manovra, muove di reparto alla ricerca degli spazi giusti. Pagelle alte per tutti quindi, anche se spendiamo le ns note di merito per l’incontenibile ex Palermo Pietro Tripoli (al secondo centro consecutivo, e potrebbero essere già tre), per il play Disabato ( giocatore di altra categoria) e per Guadagnin che ha salvato la porta sul diagonale di Musso (pericolosa la sua ripartenza a campo aperto: unico neo tattico della gara). Il 4-4-2 proposto da mister Siciliano credo risponda più alle contingenze del momento che ad un vero e proprio credo anche perchè Buratto e D’Ambrosio avendo una tendenza più propositiva specie fuori in trasferta darebbero troppa trazione anteriore. A Caronno Pertusella ( i 3 gol rifilati al Ligorna non sono cosa di poco conto) occorrerà avere un centrocampo più solido ed equilibrato per evitare sorprese.Aspettando la punta da doppia cifra l’opera di sfoltimento intanto prosegue e dopo Tognoni (personalmente ritengo che i suoi guizzi sarebbero serviti alla causa) anche Grani e Bacigalupo sono in partenza. Avanti tutta Savona e grazie per averci fatto riprendere a sognare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *