CalcioSport

Sotto l’ombra rossoblù Della prima Coppa Italia – Buona la prima di ritorno

Non era certo facile la prima tappa del nuovo anno che coincideva con la trasferta a Forte dei Marmi in casa della sesta in classifica. Serviva un risultato di rilievo per potersi sbloccare definitivamente e dal mio punto di vista c’e’ stato, anche se la gara pareggiata per 1 a 1 con il Real Forte Querceta era di quelle dove avresti firmato per un punto alla vigilia prima di giocarla e che poi in corsa forse recrimini. Con finalmente la rosa al gran completo il Vado ha dato l’impressione di essere pronto per quel cambio di passo e di mentalità indispensabile per trovare quella continuità di risultati venuta deficitariamente a mancare nel girone d’andata.Va detto che la rocciosa formazione versiliese (una veterana della categoria ricca di un centrocampo di assoluto valore e di una punta come Di Paola, goleador di giornata) non solo ha giocato con un uomo in meno dal 41° per l’espulsione del portiere locale, ma per questioni tattiche ha dovuto rinunciare al suo uomo faro Doveri.E questo ha facilitato non poco il forsing dei rossoblù premiato al 42° della ripresa quando il subentrato Alberto ha servito al centro dell’area una palla invitante a Varela (uno dei nuovi con Terzoni, Rotulo ed Alessandro Barbato, goalkipper classe 2000) che stoppando alla perfezione, si è girato e ha scoccato un destro che si è infilato alla destra della porta toscana, facendo cadere un muro che sembrava imperforabile.Tra le note positive portate in dono dalla Befana oltre al buon punto che da morale (nonostante che la vittoria esterna della Lavagnese releghi i Tarabotto boys all’ultimo posto in solitario) da segnalare l’esordio del terzino sinistro Lorenzo Casazza (classe 2002), uno dei tanti prodotti sfornati dal vivaio diretto dal sempreverde Vincenzo Eretta, autore di una buona prova. Ora incamerato il sesto pareggio stagionale, domenica 12 gennaio arriva il Ghivizzano Borgoamozzano, una squadra in caduta libera che precede i vadesi di 2 sole lunghezze.L’occasione è ghiotta e bisognerà assolutamente non farsela sfuggire.Coinciderà con il debutto sulla panchina dei toscani di Rino Lavezzini, ex tecnico dell’Albissola che torna in scena smentite le voci di un suo possibile approdo ad Albenga alla corte di patron Colla.La sventurata consuetudine di “ciccare” le sfide chiave interne contro squadre largamente portata deve assolutamente essere interrotta con una gara all’insegna della determinazione ma soprattutto della razionalità.

 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: