lunedì, Novembre 18, 2019
Home > Sport > Calcio > Sotto l’ombra rossoblù Della prima Coppa Italia – Pensavo fosse amore, invece era un calesse

Sotto l’ombra rossoblù Della prima Coppa Italia – Pensavo fosse amore, invece era un calesse

Giungo a scomodare la quinta prova (il film è del 1991) come regista del grandissimo ed indimenticabile Massimo Troisi, che cerca di capire perché ci si innamora tanto facilmente, e perché, altrettanto facilmente, il sentimento se ne va, per cercare di spiegare quanto stia accadendo all’interno del clan Tarabotto dopo la rovinosa disfatta accusata domenica al Buon Riposo di Seravezza. “Pensavo fosse amore invece era un calesse” è di fatto il testamento spirituale dell’animo di Troisi, meno intriso di poesia rispetto al “Postino”, ma con il riferimento chiaro ed esplicito alla realtà di tutti i giorni, dove tutti, bene o male abbiamo a che fare con l’amore, con il walzer dei sentimenti, con il caos di relazioni messe in difficoltà dagli stravolgimenti del nostro animo e dalla tecnologia che avanza. Ma non basta ancora, l’artista napoletano ragiona anche sul perché certe coppie arrivano sull’orlo della crisi, magari si lasciano, ma poi come una calamità tornano indietro, non riuscendo davvero a separarsi.Dopo il disastroso 5 a 1 rimediato in terra toscana in casa Vado la situazione interna inizia a farsi pesante ora che si è sprofondati in solitario sul fondo della classifica, superato anche dalla Lavagnese, con soli 6 miseri punticini racimolati in ben 10 partite in cui ha subito una media di 2,2 reti per gara.L’ennesima sconfitta (preannunciata, forse sì, ma immaginabile di tali proporzioni) potrà comunque sortire effetti positivi se da questa si ripartisse senza più, come largamente già denunciato in questa rubrica, ricorrere all’esercizietto della ricerca dell’alibi ad hoc. Nel gioco delle coppie venutosi a creare a livello gestionale sia organizzativo che tecnico il pallino passa ora nelle mani del presidente Franco e della first lady (sua preziosa consigliera : la serie è quella “vicino ad un grande uomo c’è sempre una grande donna), ai quali spetta assumere quelle decisioni determinanti per il destino rossoblù in questo torneo.Ci sentiamo di dire che non sono stato di certo loro ad inaugurare quella stagione di sottovalutazione delle difficoltà di un campionato come è quello di serie D. Li conosciamo come imprenditori attenti e accorti, che hanno dotato la società di un apparato logistico, impiantistico, strutturale in campo sportivo assolutamente all’avanguardia oltre ad aver risanato una situazione societaria che si presentava finanziariamente deficitaria.Se pertanto occorrerà individuare i vari livelli di responsabilità del bruciante flop a cui stiamo assistendo bisognerà spostare la mira nell’ambito dello staff tecnico. Composizione di una rosa armonica e competitiva, individuazione dell’undici titolare e del modulo di gioco più appropriato,  allestimento di sedute di allenamento altamente professionali, rapporto con i giocatori, creazione e/o individuazione di una leadership, e qui mi fermo, sono operazioni che non spettano alla presidenza che spesso è concentrata sui massimi sistemi della vita dell’azienda calcio a partire dalla ricerca degli sponsor per arrivare al miglioramento del settore giovanile. Tutte le teorie più improponibili ed indimostrabili sono state chiamate in causa. L’ultima nell’ordine è quella che si perdono le partite poichè nel mentre da parte Vado si cerca di costruire il gioco, gli altri vincono attraverso il ricorso ai “lanci lunghi”. Sino a quando qualcuno si ostinerà a cercare all’esterno i problemi del mancato funzionamento della macchina bellica rossoblù non se ne verrà mai a capo.Le guerre si perdono proprio così. I partiti perdono voti e consensi proprio così. Provare a risalire non solo si può, ma si deve, specie quando si ha l’onore e l’onore di rappresentare una realtà ed una comunità che ha scritto pagine di storia. Si riparta da un minimo di autoanalisi.Si riveda la filiera di comando. Si responsabilizzino i giocatori. Soprattutto chi di dovere inizi a recitare qualche “mea culpa”, e magari si risorgerà già a partire dalla mission impossible con la super rivale Fezzanese. Stante così le cose, invece,  al momento è proprio innegabilmente vero che Lei signor presidente possa dirsi . ” Pensavo fosse amore, invece era un calesse!”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *