CronacaSport

Sport e commercio in lutto: è morto Bruno Santamaria

Bruno Santamaria, il primo da sinistra durante una Premiazione dell'Atleta dell'Anno dell'UNVS Savona di cui è stato vice presidente

Se ne è andato in silenzio, Bruno Santamaria, un uomo, un amico che per oltre sessantanni ha vissuto di lavoro e sport in quella Savona che tanto amava e che piaceva ricordarla nelle sue poesie scritte nel dialetto di Savona. Aveva 78 anni, e non stava bene da tempo, ma non ha mai perso la sua verve umoristica. L’aveva nel dna. Cresciuto nel centro storico, sotto la Torretta, il simbolo della città, Bruno Santamaria ha iniziato a praticare, fin da ragazzo l’atletica leggera, la sua prima passione e successivamente il calcio, nella squadra della Torretta. Poi il lavoro, come rappresentante di commercio, ambulante ed infine edicolante in via Pietro Giuria. Con la moglie Ada aveva festeggiato lo scorso 1 maggio 54 anni di matrimonio. Da quell’unione sono nati i figli Carlo e Simona, che gli hanno fatto per conoscere la passione della pallanuoto. Lo piangono i Veterani dello Sport, sezione Rinaldo Roggero di Savona, la sua seconda famiglia. Con la benemerita del Coni è stato per oltre vent’anni prima consigliere e successivamente vice presidente. Per l’impegno profuso l’Unvs Nazionale gli aveva conferito il Distintivo d’onore. Fino all’ultimo ha tenuto in alto i valori dello sport e della cultura della sua amata Savona. Domani la sua salma sarà tumulata nel cimitero di Zinola. Non ci saranno, a causa delle normative del Covid 19, i tanti amici che hai conosciuto in questi anni, e con i quali hai condiviso tantissime cose. Ti ricorderemo fra un mese con una messa in suffragio, come desideravi tu. Ciao Bruno, fai buon viaggio.

La redazione de L’Eco porge alla famiglia Santamaria le più sentite condoglianze.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: