giovedì, Dicembre 12, 2019
Home > Attualità > Sport e disabilità, un matrimonio che “non s’ha da fare” ancora

Sport e disabilità, un matrimonio che “non s’ha da fare” ancora

Qualche miglioramento c’è però siamo ancora distanti anni luce

Se è cosa bellissima, nobile e doverosa occuparsi del mondo dei disabili e dei loro problemi, è altrettanto triste e scioccante verificare ancora quanto disinteresse e menefreghismo ci sia da parte della comunità. Nonostante le tante belle parole, gli inutili convegni ed i costosi congressi, fatti spesso a scopo elettorale. Non abbiamo ancora capito che “i diversamente abili” sono persone al pari nostro e che come tali, vanno trattati e hanno pieno diritto di essere considerati in tutte le loro esigenze vitali. Fra queste esigenze, nei giovani, c’è indubbiamente praticare dello sport (quello con la “S” maiuscola), che per i disabili, rappresenta assolutamente il primo strumento per migliorare la loro condizione psico-fisica e per migliorare sempre più la loro autostima ed il loro inserimento sociale. Ma il mondo della disabilità è ancora, purtroppo un mondo nascosto, o per meglio dire, conosciuto ma che per il governo e gli enti locali cercano di misconoscere, sottovalutandolo e slittandolo al domani. Interventi e decisioni che invece, andrebbero prese subito ad esclusivo vantaggio dei giovani ai quali il destino ha riservato problematiche diverse. Basti pensare alle strutture logistiche e architettoniche relative ai servizi assistenziali che queste persone dovrebbero usufruire. Siamo gli ultimi in Europa e, nonostante qualche pallido progresso in alcune città, siamo indietro anni luce rispetto ad altre nazioni da cui dovremmo prendere esempio. Ma per seguire il buon esempio, occorre precisa volontà politica di cambiamento ed opportuni stanziamenti economici. Salire su un autobus, prendere un ascensore o le scale mobili in un market è ancora un problema insormontabile, per mancanza assoluta di adeguate strutture e se anche queste ci sono, guarda caso, non funzionano mai. Spesso l’ignoranza si unisce all’indolenza ed al lassismo politico. Anche il mondo della scuola non brilla per impegno e sensibilità. Gli insegnanti di sostegno, figure indispensabili per le persone diversamente abili che frequentano le scuole dell’obbligo e le scuole superiori, sono diventati merce rara. Il Governo e il ministero dell’istruzione hanno fatto mille promesse solenni, ma anche quest’anno, alla riapertura delle scuole, gli insegnanti di sostegno non ci sono (a Savona, come è tristemente noto ne mancano 101). Non parliamo poi di quella che dovrebbe essere l’assistenza personale che andrebbe fatta da personale qualificato e preparato per i disabili, anche a domicilio degli stessi e nelle strutture adeguate. I cosiddetti “servizi sociali” delle amministrazioni comunali, ogni anno sono soggette a continue riduzioni di personale, al fine di limitare le spese e far quadrare i bilanci comunali, costretti a tagliare, diminuire, limitare tutti i servizi assistenziali. Servizi che ogni anno dovrebbero essere migliorati e potenziati, mentre invece, diminuiscono sempre, con un conseguente disservizio che di “sociale” non ha proprio nulla. Famiglie e disabili lasciati sempre più alla merce’ di loro stessi. Fortunati quei ragazzi diversamente abili che hanno la fortuna di avere alle loro spalle una famiglia capace e in grado di aiutarli e sostenerli ogni giorno, avendo anche le possibilità economiche. Ma che ne è di quei disabili che non possono godere dell’assistenza amorevole e continua delle loro famiglie? Mancano ospedali specializzati, case di cura ed istituti di riabilitazione che, mi sembra chiaro e palese, non devono avere nessun costo a carico degli assistiti. Che ne sarà di queste persone il giorno che non avranno più l’assistenza dei loro genitori e dei loro parenti? Ma… Tornando all’oggi, mi è caro spendere due parole ancora sul mondo dello sport, ancora così lontano dalle richieste e dalle esigenze dei diversamente abili che, sempre in numero maggiore, chiedono e pretendono di praticare dello sport, essendo quest’ultimo, per loro e per tutti i normodotati un’esigenza primaria ed un medicamento necessario e fondamentale. Certamente qualche piccolo passo avanti è stato fatto anche grazie all’interessamento del Coni, che ha attivato le federazioni sportive nazionali ai campionati “paralimpici”, che hanno invogliato e stuzzicato le società sportive sensibili a tali problematiche, a lavorare e credere nel conseguimento di obiettivi che definire nobili è a dir poco. Ma fare sport con i diversamente abili, ha dei costi elevati oltre che richiedere preparazione e piena professionalità da parte degli operatori che, devono avere come denominatore comune anche umanità, serietà e gratuito desiderio di fare del bene, godendo solo dei risultati che la loro passione ed abnegazione riescono ad ottenere. Spesso però come i tutti i problemi che vita ci presenta, non basta la buona volontà e lo spirito di sacrificio. Occorrono mezzi ed aiuti che sono ancora aspetti sconosciuti da parte degli enti locali. Manca una politica governativa a livello nazionale che deve essere in grado di legiferare in modo uguale e tassativo per tutti i comuni, che a torto, si nascondono dietro alla mancanza di disponibilità economiche. Non basta dare in uso gratuito qualche palestra o qualche impianto sportivo, ottenuto spesso dopo discussioni fastidiose, occorre dotare i club dilettantistici sportivi di aiuti tangibili, mezzi per il proseguimento che stato ed enti locali non sarebbero in grado di fare. I materiali sportivi per svolgere le varie discipline costano molto, così come costano molto viaggi e trasferte. Nessun onere deve essere a carico delle famiglie e dei ragazzi disabili che nello sport possono trovare fonte di gioia e realizzazione. Le società sportive sostituiscono quello che lo stato e gli enti locali dovrebbero fare e che non fanno. Per lo meno che si cerchi di aiutare e venire incontro ai club meritevoli e degni di essere aiutati. Certo, qualcosa comincia a muoversi, ma credetemi, è veramente ancora molto e troppo poco di fronte ad un problema vastissimo che merita ben maggiore interessamento e soluzioni rapide a vantaggio di quella gioventù che non è stata, magari molto fortunata, ma che merita grandissimo rispetto ed assoluta considerazione da parte di tutti. Sì, ho detto proprio da parte di tutti, amministratori e politici compresi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *