Home > Attualità > Spotorno: richiesta la V.a.s. per l’ampliamento del Camping Leo

Possibilità di rischio dovuta al torrente Crovetto

Spotorno: richiesta la V.a.s. per l’ampliamento del Camping Leo

Possibilità di rischio dovuta al torrente Crovetto

L’intervento di ristrutturazione e ampliamento del Camping Leo, il parco vacanze di via Siaggia, a Spotorno, dovrà essere sottoposto a procedura di valutazione ambientale strategica. Lo ha deciso la Regione Liguria a conclusione del procedimento di verifica screening che ha messo in evidenza alcune criticità idrauliche, tali da rendere necessario l’approfondimento tecnico. Le verifiche ambientali sono dovute alla localizzazione del parco vacanze, in un’area dichiarata a rischio di esondazione del torrente Crovetto (fascia B di rischio), tra la linea ferroviaria ed il raccordo stradale verso l’autostrada.

Progettato dall’architetto Sergio Oliveri di Spotorno, l’intervento riguarda un ampliamento di circa 2.200 metri quadrati dell’area occupata, che supererà così la superficie di un ettaro di estensione complessiva. Prevista anche una redistribuzione delle aree occupate dalle piazzole di sosta, delle aree verdi d’uso comune e delle aree a parcheggio, lasciando invariato sia il numero complessivo delle piazzole (90) sia la capacità ricettiva massima (360 ospiti).

Nell’ottica del miglioramento dei servizi che la struttura ricettiva vorrebbe offrire con l’ampliamento delle piazzole e delle aree a verde e con l’aumento dei posti auto interni, sarà possibile parcheggiare l’auto all’interno delle stesse postazioni. Il progetto prevede infine l’installazione di tre nuovi bungalow sull’area dell’ampliamento. L’Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Settentrionale, richiesta di un parere, ha sottolineato che proprio quei tre nuovi manufatti previsti risulterebbero ammissibili, previo parere dell’ufficio territoriale competente, soltanto se rispondenti alle condizioni previste dalla normativa del Piano di Bacino, ossia se ricadano in contesti di tessuto urbano ormai consolidato, o se si trovino in aree considerate a minore rischio idraulico. In ogni caso dovranno essere assunte le misure di protezione civile previste sia dal piano di bacino sia dal piano comunale.

Anche nel caso la “morale” è che lo sviluppo, necessario, deve fare i conti con l’ambiente e con i rischi ambientali, a scongiurare eventi calamotosi non calcolati ma possibili!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *