domenica, Novembre 17, 2019
Home > Attualità > “STATO D’ALLERTA” CONTRO IL TURISMO “LOW COST”

“STATO D’ALLERTA” CONTRO IL TURISMO “LOW COST”

I pullman affollati di turisti “escursionisti” provenienti da Piemonte e Lombardia, calano, nei fine settimana e mettono in subbuglio la Riviera.

Questa domenica appariva comunque tranquilla; il movimento era notevole, ma, fortunatamente, nessun particolare disagio e i “flussi” apparivano un po’ inferiori a quelli dei weekend scorsi.

Il calo non parrebbe dovuto al sole un po’ velato ma, più probabilmente, alle campagne informative effettuate attraverso le compagnie che organizzano le “escursioni” al mare e, probabilmente, anche all’allerta mediatico che si è diffuso sulla vicenda degli arrivi in massa.

A partire dalla notte sono stati incrementati i controlli in Riviera.

Polizia Locale, Capitaneria di Porto e  le altre Forze dell’Ordine erano “schierate” già dal mattino per sopralluoghi e controlli su spiagge e passeggiate.

Controlli anche ai caselli autostradali per i pullman in arrivo. Lo spirito è innanzitutto quello di garantire la sicurezza e l’ordine pubblico e poi quello di informare i numerosi turisti delle normative e delle regole sulle quali non sarà possibile transigere.

Nel frattempo Alassio chiude le spiagge nelle ore notturne, provvedimento che, invece, Laigueglia decide di non adottare puntando pittosto sull’informazione effettuata “a monte” – quindi attraverso le compagnie dei pullman che sono state censite e con le quali l’amministrazione si è messa in contatto – e direttamente sulle spiagge dove a partire dal prossimo weekend verranno distribuiti volantini con le “regole di buon comportamento” da tenere sulle spiagge.

Controlli anche sulle spiagge savonesi, in particolare in zona Prolungamento dove, grazie all’intervento della Polizia Locale, sono stati fatti sgomberare alcuni campeggiatori abusivi e sono scattate le contravvenzioni.

L’estate agognata, che entra nel suo pieno, è “militarizzata”, giustamente, per quanto concerne la buona educazione, il civismo, quando vengono trascurati, e traffico, parcheggi e campeggi bradi che molti utenti non si peritano di provocare ma, il rovescio della medaglia, è quello di far ritornare la balneazione una pratica d'”élite” e di provocare ulteriori scontenti!

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *