mercoledì, Luglio 17, 2019
Home > Cultura e Musica > “Stelle e Pagine di luce”

“Stelle e Pagine di luce”


Warning: array_key_exists() expects parameter 2 to be array, string given in /web/htdocs/www.ecodisavona.it/home/wp-content/plugins/responsive-lightbox/includes/class-frontend.php on line 1489

Warning: Illegal string offset 'type' in /web/htdocs/www.ecodisavona.it/home/wp-content/plugins/responsive-lightbox/includes/class-frontend.php on line 1490

Warning: Cannot assign an empty string to a string offset in /web/htdocs/www.ecodisavona.it/home/wp-content/plugins/responsive-lightbox/includes/class-frontend.php on line 1490

Warning: Illegal string offset 'type' in /web/htdocs/www.ecodisavona.it/home/wp-content/plugins/responsive-lightbox/includes/class-frontend.php on line 1493

Warning: Illegal string offset 'type' in /web/htdocs/www.ecodisavona.it/home/wp-content/plugins/responsive-lightbox/includes/class-frontend.php on line 1493

Warning: array_key_exists() expects parameter 2 to be array, string given in /web/htdocs/www.ecodisavona.it/home/wp-content/plugins/responsive-lightbox/includes/class-frontend.php on line 1701

Warning: Illegal string offset 'type' in /web/htdocs/www.ecodisavona.it/home/wp-content/plugins/responsive-lightbox/includes/class-frontend.php on line 1702

Warning: Cannot assign an empty string to a string offset in /web/htdocs/www.ecodisavona.it/home/wp-content/plugins/responsive-lightbox/includes/class-frontend.php on line 1702

Warning: Illegal string offset 'type' in /web/htdocs/www.ecodisavona.it/home/wp-content/plugins/responsive-lightbox/includes/class-frontend.php on line 1705

Warning: Illegal string offset 'type' in /web/htdocs/www.ecodisavona.it/home/wp-content/plugins/responsive-lightbox/includes/class-frontend.php on line 1705

Warning: array_key_exists() expects parameter 2 to be array, string given in /web/htdocs/www.ecodisavona.it/home/wp-content/plugins/responsive-lightbox/includes/class-frontend.php on line 1889

Warning: Illegal string offset 'type' in /web/htdocs/www.ecodisavona.it/home/wp-content/plugins/responsive-lightbox/includes/class-frontend.php on line 1890

Warning: Cannot assign an empty string to a string offset in /web/htdocs/www.ecodisavona.it/home/wp-content/plugins/responsive-lightbox/includes/class-frontend.php on line 1890

Warning: Illegal string offset 'type' in /web/htdocs/www.ecodisavona.it/home/wp-content/plugins/responsive-lightbox/includes/class-frontend.php on line 1893

Warning: Illegal string offset 'type' in /web/htdocs/www.ecodisavona.it/home/wp-content/plugins/responsive-lightbox/includes/class-frontend.php on line 1893

L’ultima delle quattro mostre programmate dalla ArtGallery Ground Zero è dedicata al pittore veneziano Mauro Casarin. “L’opera teorica ed artistica di Casarin rivela in tal modo la profonda analogia fra forme diverse, soprattutto le naturali e quelle artefatte, forme in relazione morfologica, tra superfici costruite con l’impersonalità dei tratti geometrici, a derivare zone di colore che, non avendo se non i contorni materiali della stessa pittura, sono applicate estensivamente.”

Sabato alle ore 18.30, nella sala esposizioni del Grand Hotel di Alassio, avrà luogo l’inaugurazione della mostra personale del pittore.  I lavori dell’artista, che proporrà una dozzina delle sue opere recenti di medie dimensioni, sarà visitabile fino al 18 settembre ed è curata dal Pierluigi Luise, della galleria “Ground Zero” di Albenga.

Mauro Casarin

Biografia

Mauro Casarin è nato a Venezia il 14 marzo 1958.
All’inizio c’è il fumetto, piccole storie senza parole. Una passione per il colore che riempie campi delimitati
da segni incerti e sottili. Ricordi di animazioni slave anni sessanta o di Pino Pascali, per contenitori
pubblicitari televisivi allora rigorosi. In seguito requenta l’Istituto d’Arte di Venezia ove scopre l’arte grafica.
Si stampa con la pietra, il legno, la seta, il linoleum e lo zinco , il rame: materiali in festa.
Nel 1977 è invitato da Luciano De March a collaborare con la stamperia Multigraphic. Conosce Hugo Pratt,
lavora su nove serigrafie di Corto Maltese. Conosce e lavora con Emilio Vedova (Lettera Aperta, 1979),
Armando Pizzinato, Giuseppe Santomaso, con il quale collaborerà sino al 1990.
Contemporaneamente è iscritto al corso di pittura di Edmondo Bacci all’Accademia di Belle Arti di Venezia.
Corso che frequenta assieme a Maurizio Favaretto e Paolo Furlanis, con i quali condivide uno studio e
interventi comuni e multipli su tele, pannelli , manifesti.
Nel ‘79 si dedica ad una sorta di diario pittorico (Esistere seduti) che lo porta ad una sintesi astratta di
Personaggio (totem),che si evolverà guerriero-sentinella sino all’archetipo del cavallo e cavaliere nel 1983
(W Chisciotte e il suo cavallo). Tra il 1980 e il 1983 dilata lo spazio interno al Personaggio (egli stesso) con
segni che sviluppano, moltiplicano e falsano le prospettive e le distanze: un surrealismo più Sebastian
Matta che Joan Mirò. Un surrealismo che nell’81 ricerca nell’imprimere sulla carta ogni sorta di materiale
(gommapiuma, legno, polistirolo, paglia, lana, cartone): Vestiti a festa – storie di materiali. Lo affascina il
frottage di Max Ernst, il collage, l’accostare ombre di volti, appendiabiti (Man Ray), martelli (Jim Dine)
lampadine a materia-colore spessa e friabile (gesso Bologna), che poi userà sempre più spesso come piano
altro, finto cartone, quasi cemento, quasi lamiera.
Nel 1983 con l’aiuto di Nicola Descovich traduce in incisione acquatinta la dimensione della Favola, del
Cavaliere, della Luna nel pozzo e dei Mangiatori di patate. Per la grafica e la pittura in questi anni gli
riconoscono piccoli premi alle esposizioni collettive della Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia a
favore dei giovani artisti. Inizia ad esporre in personali e collettive in Italia, Svizzera, Stati Uniti, Giappone.
Sue opere si trovano presso Collezioni private in Germania, Svizzera, Francia, Gran Bretagna, Svezia, Stati
Uniti d’America, Italia, Austria, Giappone, Brasile, Australia, Repubblica Ceca, Spagna, Olanda, Perù.
È presente nella Collezione del Museo d’Arte Moderna di Ca’ Pesaro, Venezia.
Come quelle che l’hanno preceduta, rientra nel progetto “Pictures at an Exhibition”, frutto di un’interessante forma di collaborazione artistica fra la Galleria Ground Zero ed il Grand Hotel di Alassio, e conclude l’attività espositiva dell’estate 2013.

 

Pascal McLee

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *