venerdì, Novembre 15, 2019
Home > Attualità > Strage di Via D’Amelio: il ricordo di Angelo Vaccarezza

Strage di Via D’Amelio: il ricordo di Angelo Vaccarezza

Ieri, in occasione dell’anniversario della strage che ha portato via la vita a Paolo Borsellino, Angelo Vaccarezza ha voluto ricordare così quel tragico momento della storia italiana:

L’Italia ricorda uno dei giorni più tragici della sua storia.
È una Domenica, quel 19 luglio del 1992.
Il giudice Paolo Borsellino, accompagnato dalla sua scorta, sta per entrare nel portone di casa di sua madre, come faceva tutte le domeniche, per trascorrere un po di tempo con lei.
In un attimo, l’inferno. 
Una Fiat 126 caricata con 90 kg di esplosivo cancella in pochi secondi, oltre a quella del giudice, altre cinque vite.
Lì, in via Mariano D’Amelio, restano i corpi di Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Emanuela Loi, Claudio Traina, Vincenzo Fabio Li Muli.
Sono passati 25 anni da quel giorno maledetto, che ognuno di noi ha vissuto in maniera profondamente diversa, ma ugualmente dolorosa.
Sembrava che la mafia fosse dappertutto, che non ci fosse via di scampo e, per chi aveva scelto di combatterla, altra conclusione non fosse possibile.
Gli insegnamenti del Dott. Borsellino, fortunatamente non sono andati dimenticati, hanno scavato un solco profondo nella vita sociale di questo paese, diventando regole, comportamenti, ideali di vita.
Il tempo speso da quest’uomo nella ricerca della giustizia e della verità fa grande questa Italia che oggi purtroppo annaspa e si perde guardando il dito anziché la luna.
Il tempo e il sacrificio dei ragazzi che con Lui hanno perso la vita è il simbolo di un’Italia che non si arrende, che crede nel valore di una divisa.
Tutta la mia ammirazione a chi compie questa scelta con un coraggio che al giorno d’oggi è merce rara.
“È bello morire per ciò in cui si crede; chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola.” 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *