sabato, Gennaio 25, 2020
Home > Politica > Su una cosa Trump ha ragione

Su una cosa Trump ha ragione

di Lorenzo Ivaldo

Dopo l’entrata in guerra degli americani nel 1941, in Inghilterra circolava una battuta attribuita a Winston Churchill. Secondo le malelingue il Premier inglese aveva confidato ad alcuni amici che “…gli inglesi avrebbero difeso l’Inghilterra fino all’ultimo americano…”.
Questo concetto (sia stato pronunciato veramente o no) è stato fatto proprio da tutti i Paesi Europei aderenti alla NATO, patto entrato in vigore nell’agosto del 1949.
Da quel momento, anche in piena guerra fredda i Paesi della UE, hanno progressivamente ridotto le spese militari per cui oggi solo due Nazioni all’interno dell’Unione Europea hanno eserciti degni di questo nome: l’Inghilterra (peraltro quasi fuori dalla UE) e la Francia. Tutti gli altri si sentono protetti dalla NATO e dai mezzi ad essa forniti dall’esercito americano, specie in materia di missili per la difesa e per l’offesa. In alcuni Paesi come l’Italia l’elemento più concreto di partecipazione all’Alleanza atlantica è stata la concessione di basi militari, le più importanti della quali sono quelle di Sigonella (Provincia di Siracusa) in Sicilia e quella di Aviano (Provincia di Pordenone) in Friuli. Concessioni molto sofferte e molto contestate.
Alcune settimane or sono Giulio Meotti ha scritto un articolo su “Il Foglio” in cui documentava articolatamente lo stato degli eserciti dei vari paesi europei. Il quadro era impressionante e nessuno, mi risulta abbia mai smentito. L’esercito inglese (il più preparato) ha metà degli aerei e degli elicotteri non in grado di prendere il volo; la Francia ha ridotto le spese dimezzandole; la Germania ha un esercito che per vocazione è dedito agli interventi umanitari e le armi servono solo a difendere questi interventi. In realtà le armi sono talmente ridotte di numero che nelle recenti manovre militari in Germani i soldati non avevano armi ma semplici bastoni dipinti di vari colori a rappresentare la varie tipologie di armi portatili.
Non è un caso, infatti, che la lotta all’ISIS (che è una guerra che ci riguarda da vicino) non vede presente nessun esercito europeo: la guerra contro l’ISIS in Siria ed in Iraq, infatti, è combattuta dalla Russia, dagli Iraniani e da Hezobollah libanesi. In Libia a combattere sono gli eserciti dei due Governi, quello presieduto da Serraj (riconosciuto dall’ONU) e quello di Haftar sostenuto dall’Egitto e non riconosciuto internazionalmente.
La proposta di politica estera di Trump è quella di un progressivo disimpegno degli Stati Uniti ed una valorizzazione dei Paesi del Mediterraneo in funzione di una più efficace lotta allo jihadismo.
In questo quadro Trump propugna un accordo con Putin volto a definire le rispettiva sfere di influenza al fine di stabilizzare le periferie dell’Eurasia. Una riedizione della divisione del mondo come ai tempi dell’URSS, derivante però da un accordo, a diversità di allora che era frutto della “guerra fredda” e della contrapposizione nucleare che fungeva da deterrente.
Hillary Clinton, al contrario pone al vertice delle opzioni di politica estera la difesa dei diritti umani e la esportazione della democrazia anche attraverso l’uso della forza militare come accadde con Bush in Iraq ed in Afganistan e con Obama per l’intervento in Libia. Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti!
Paradossalmente, la candidata democratica è per una politica di intervento attivo, anche mediante l’uso della forza militare, mentre il candidato repubblicano sconfessa la politica di Bush. D’altro canto non è una novità questa propensione di Hillary Clinton la quale, da Segretario di Stato, ha sempre cercato di contrastare la politica pacifista di Obama. Occorre anche ricordare che Bill Clinton era Presidente degli USA quando fu deciso che la NATO doveva bombardare la Serbia di Milosevic (senza l’autorizzazione dell’ONU).
Al contrario Trump propone una maggiore attenzione agli interessi dello scacchiere mediterraneo e un accordo con Mosca che, paradossalmente, sarebbe più interessante per i Paesi Europei ( a gioco lungo anche per la Germania, forse meno per l’Inghilterra), della politica interventista di Hillary Clinton che è la continuazione della fallimentare politica di Bush.
La proposta di Trump, fra l’altro, costringerebbe l’UE a creare un esercito europeo che prenda il posto dei tanti pseudo eserciti nazionale. Per noi sarebbe un toccasana vista la nostra vicinanza geografica con lo jihadismo. Inoltre la creazione di un esercito comune europeo, oltre a diminuire le spese militari di ogni singolo Stato, costringerebbe la UE ad una politica estera condivisa (e non contrapposta come quella odierna). Dopo l’Euro sarebbe un passo decisivo verso una vera integrazione dell’ Europa!
Questo l’aspetto positivo della proposta di politica estera di Trump (almeno per chi crede veramente negli Stati Uniti di Europa). Per il resto pensare a Trump che ha la chiave della valigia che può attivare la guerra atomica è roba da non dormirci di notte! Speriamo che lo spirito dei Padri Pellegrini vegli sugli USA e su tutti noi!.

(Lorenzo Ivaldo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *