martedì, novembre 20, 2018
Home > Sport > Successo per il Torneo di Softball a Mallare

Successo per il Torneo di Softball a Mallare


di - 28 giugno 2014, 11:24

torneo softball mallareLa squadra di Padova 88 si è aggiudicata la sedicesima edizione del torneo di softball amatoriale misto “Leandro Marenco” di Mallare, battendo in finale per 11 a 3 gli Adler di Bolzano. La manifestazione, intitolata al suo indimenticato ideatore Fabrizio Passerini, grande appassionato di softball scomparso due anni fa, ha visto la partecipazione di otto squadre da tutta Italia, oltre al Padova 88, gli “Adler” di Bolzano e i loro omologhi “Aquila” di Finale Ligure, i “Tatanka” Milano, le “Red Fox” Roma, i “Dukes” Parma, i “Bad Goats” Vicenza e gli organizzatori “Boscaioli” di Mallare.  “Abbiamo fatto il pieno di partecipanti” dichiara Ivo Bonifacino, che con Alberto Domeniconi e Simona Passerini ha curato l’organizzazione, “tanto che siamo stati costretti a chiudere anzi tempo le iscrizioni”. Un successo, nonostante il declino di questa specialità prevalentemente femminile del “batti e corri” che, in Liguria, conta solo tre squadre, costrette a disputare il campionato in altre regioni, soprattutto per la carenza degli impianti sportivi, vista l’imminente chiusura di Albissola Marina e le mai mantenute promesse di Genova e di Finale Ligure. Duecento persone, fra giocatori e accompagnatori, sono così accorse in Valbormida per un fine settimana di “batti e corri”, quasi venti partite in totale, ma anche una festa e un raduno di appassionati di tutte le età e di ambo i sessi che hanno sempre giocato ad armi pari. La formula del softball amatoriale, un insieme congegnato e collaudato di divertimento, spettacolo e sport, prevede la partecipazione di squadre miste, con almeno due donne in campo per formazione. E a Mallare, da anni, grazie al tam-tam dei social network e dei cellulari ogni anno convergono in Valbormida appassionati da tutta Italia e anche dall’estero, come nelle passate edizioni, perfino dalla Germania, dalla Svizzera, dalla Francia e dalla Repubblica Ceca. In campo, giocatori dai sedici ai cinquant’anni, alcuni con i capelli bianchi, lottano fino all’ultimo “out” contro mamme atletiche, che lasciano i bambini a bordo campo a fare il tifo, oppure contro giocatori di baseball affermati, che preferiscono Mallare a una partita di campionato. Intanto, a bordo campo, i volontari della Pro-Loco di Pallare servono da mangiare e da bere a coloro che aspettano il loro turno per giocare, ma che un posto in qualche squadra lo trovano sempre, magari per giocare una mezza partita con gli avversari dell’incontro successivo. Spettacolari le partite, magistralmente dirette dagli arbitri nazionali Nello Peluso e Giuseppe Giordano, con frequenti battute, anche in “fuoricampo”, giocate su due “diamanti” contemporaneamente, con un buon livello tecnico e atletico. Fra le squadre, si è registrato il debutto dei “Red Fox”, giunti in forze da Roma, che si sono dovuti accontentare della finale di consolazione contro i padroni di casa “Boscaioli” di Mallare, squadra composta da molti giocatori veterani della Cairese Baseball. “È stato un piacere giocare a Mallare insieme agli amici di sempre” dice Caterina Perini di Roma, una “veterana” di Mallare, con almeno dieci partecipazioni individuali al suo attivo, “ci vedremo sicuramente l’anno prossimo per tentare di far nostro il trofeo”. Non hanno brillato, invece, le “Aquile” di Finale Ligure, che non sono riuscite a ripetere il buon piazzamento dell’anno passato, nonostante la presenza di giocatori ed ex giocatori di livello, come Silvio Siri, Matteo e Luca Goffredo, la giapponese Junko Karakama e il dominicano Carlos De La Rosa. “Abbiamo pagato la scarsa concentrazione iniziale” ha dichiarato Luca Battaglieri, che con Eros Mora ha guidato la squadra, “il livello di quest’anno era elevato e nei primi incontri gli avversari non hanno fatto sconti. Ci rifaremo l’anno prossimo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *