Attualità

Svincolo di Chiavari: un semaforo alterna la vita!

Autostrade nell’occhio del ciclone – a parte che ci sono di più gli utenti! – per i disagi dovuti ai cantieri ed alla ventilata decisione di chiudere dei tratti di percorso, come risulta dalla lettera dell’Ufologo Angelo Maggioni,che abbiamo oggi pubblicato. Ma ASPI – Autostrade per l’Italia – ed io suggerisco, a qualche buontempone che avresse voglia di servirsene, di estendere di due lettere l’acronimo un po’ ermetico che potrebbe così diventare  “ASPIDE”, rammentando il serpentello noto per aver dato la morte a Cleopatra e che è proprio il nome più corretto della comune vipera, ebbene Aspi -de-, non contenta, ha aggiunto una chicca alla serie di iniziative di cantierizzazione – ed alle assurdità possibili –  che sta prendendo e per cui si è procurata l’odio generale ovvero il semaforo  allo svincolo per Chiavari, che ha attirato l’attenzione indignata del Presidente della Regione, Toti, che così, “postava”, ieri sabato 27 giugno, alle ore 17,30, sulla sua pagina Facebook : “Un semaforo in autostrada! Anche questo ci tocca vedere nella tempesta perfetta di cantieri, incidenti e code chilometriche. Il semaforo rosso mettiamolo piuttosto davanti a questo piano folle che sta bloccando la Liguria! Non resteremo fermi davanti a questa condanna all’isolamento pronunciata da Aspi e Mit con questo piano di messa sicurezza che intrappola i liguri per ore in autostrada, paralizzando una regione intera. Lunedì  incontrerò i sindaci e le categorie economiche per dire che faremo fronte comune contro questo disastro. Gli albergatori hanno annunciato che non pagheranno più le tasse fino a cessata emergenza. Regione Liguria chiederà risarcimento per i gravi danni all’immagine della nostra terra, isolata nel pieno di una stagione turistica. Servono serietà e risposte concrete per cittadini e turisti che vogliono venire a trovarci, per imprese e categorie che hanno bisogno di ripartire. E serve un Governo che finalmente torni a prendersi le sue responsabilità. Se non lo farà, la Liguria farà sentire la sua voce! Siamo stanchi di parole o mancate risposte e non possiamo più aspettare“.

Alle ore 20,00 , Aspi -de – , diffondeva prontamente un comunicato di spiegazione, del seguente tenore:

La direzione di Tronco di Genova di Aspi precisa che la foto diffusa oggi riprende un semaforo posizionato non sulla carreggiata autostradale, ma sul ramo di svincolo per la stazione di Chiavari, sull’A12 Genova-Sestri Levante. È stato installato giovedì mattina per consentire la riapertura della stazione di Chiavari in entrata e in uscita, in senso unico alternato, e permettere la prosecuzione delle attività di ispezione all’interno della galleria ‘Della Moranda’, in corrispondenza della stazione stessa“.

Sono infatti tuttora in corso le ispezioni approfondite nel fornice, come previsto dal protocollo condiviso con il MiT in caso di rilevamento di difetti durante le prime ispezioni che vengono eseguite in orario notturno. In alternativa sarebbe stato necessario mantenere chiusa la stazione di Chiavari in una delle due direzioni mentre il semaforo alterna la viabilità sullo snodo, consentendo di utilizzare la stazione in entrambe le direzioni di marcia e limitando così disagi ulteriori. Si ricorda che sulla tratta non è attivo alcun pedaggio – bontà loro n.d.r. –  proprio in virtù delle numerose cantierizzazioni in corso ai fini della sicurezza“.

La Direzione di Tronco si scusa con l’utenza per i disagi di viabilità sulla rete, ma ricorda che la finalità delle attività di controllo in corso è garantire la sicurezza, sulla base delle prescrizioni del MIT e del quadro normativo di riferimento” .

E come dar torto ad Aspi-de -, che ha deciso di provvedere alle manutenzioni ed alle riparazioni che una campagna di maledizioni e di accuse, giustificate in parte naturalmente, imputava ad essa di aver trascurato per molti anni, e che pertanto era necessario impostare ed avviare a qualunque costo, anche se disturbano e ostacolano l’avvio di una stagione da cui tutti gli operatori del turismo sperano qualcosa, per salvare le proprie attività e per recuperare quanto hanno perso nelle lunghe settimane del “lock-down”;  solo che Aspi-de-, risponde con impeccabilità tecnica ed anche comportamentale, visto che richiama di non riscuotere i pedaggi nel tratto in questione,  sulla necessità  dell’installazione del semaforo, ma non “ha parole”  per la sostanza del richiamo di Toti, ovvero il grido di dolore per i disagi che possono compromettere l’immagine della regione e la stagione turistica che, con fatica, si è rimessa in movimento!

 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: