Tag Archives: traversata bosforo nuoto

image_pdfimage_print

Nuoto: traversata del Bosforo

image_pdfimage_print

L’atleta master del Doria nuoto Loano Diego Guelpa di 46 anni ha partecipato domenica scorsa alla 25°traversata del Bosforo con 1618 partecipanti, di categoria M 45 classificandosi 77° con il tempo di 59’22″, traversata a nuoto di 6,5 chilometri ad Instanbul (Turchia), con partenza da Kanlica sul lato asiatico ed arrivo a Kuruçeşme Cemil Topuzlu Park sul lato europeo. Questo evento, che si è tenuto per la prima volta da TMOK nel 1989 con la partecipazione di 4 femmine e 64 atleti di sesso maschile, si è incontrato con una quantità sempre crescente di interesse ogni anno e ripetuto sotto gli auspici del Comitato olimpico internazionale, in conformità con lo slogan, “Sport per tutti”.

Causa del fatto che esso è stabilito sui continenti di Europa e Asia e che lo stretto del Bosforo va a destra attraverso di essa, Istanbul offre un ambiente naturale per lo svolgimento di questa gara di nuoto come sport sociale. Attraversando dall’Asia all’Europa, tra due continenti collettivamente offre ai partecipanti particolare piacere e l’eccitazione e ogni anno centinaia di nuotatori amatoriali di ogni età, provenienti da ogni angolo del mondo, attendono con ansia il giorno del concorso e di partecipanti che completano con successo il primo ed unico gara di nuoto intercontinentale del mondo, già iniziano a sperimentare l’emozione di aspettative del prossimo anno. Domenica, dopo il trasferimento di tutti i partecipanti alla zona di partenza con i traghetti messi a disposizione dall’organizzazione, il via è avvenuto alle ore 10.00, due ore dopo a quella riservata alle canoe. Per ragioni di sicurezza i partenti sono stati suddivisi in tre i gruppi di 400 atleti e scortati da diverse imbarcazioni si è arrivati tutti all’arrivo. Tecnicamente la nuotata si è presentata abbastanza tecnica per via dei tratti gelidi dell’acqua e la presenza di correnti, generalmente favorevoli ma in alcuni tratti di difficile interpretazione perché potevano trascinare fuori rotta il nuotatore, sino a non consentire di imboccare la zona di arrivo costringendo di proseguire oltre. Sono stati diversi i nuotatori che sono dovuti tornare indietro nuotando contro corrente od arrendersi alla forza della corrente, facendosi ripescare dalle imbarcazioni dell’organizzazione. Suggestiva la presenza degli elicotteri per garantire la sicurezza ed il controllo della manifestazione, non meno la presenza dei delfini che saltavano fuori dall’acqua lungo il tracciato.