martedì, Agosto 20, 2019
Home > Attualità > Tartufo a Balestrino?

Tartufo a Balestrino?

Il Ponente Ligure svela un nuova proposta per il turismo enogastronomico grazie ad una vera eccellenza del suo entroterra! Il successo dell’educational organizzato da E.L.Fo (Ente Ligure di Formazione) Liguria, L.G.O. di Varazze e CE.S.CO.T. (Centro Sviluppo Commercio, Turismo, Terziario) di Savona, finanziato dal Fondo Sociale Europeo in collaborazione con l’Associazione Tartufai e Tartuficoltori Liguri, ha visto la partecipazione, in qualità di sperimentatori, di giornalisti, blogger, chef, fotografi, esperti di marketing, di social network, agronomi e cineoperatori, consentendo al tartufo ligure di inserirsi a pieno titolo tra le risorse da mettere in conto per la destagionalizzazione dell’offerta climatico-balneare.

L’esperimento, gestito dal presidente ligure dell’associazione tartufai, Maurizio Bazzano, dal giornalista Stefano Pezzini e dal docente di marketing e comunicazione Franco Laureri, ha coinvolto oltre dieci “Trifolai” e ha dimostrato che oltre alla vendemmia, all’orto-garden, ai muretti a secco, all’oliveto, anche il “bianchetto” di Balestrino può entrare nel circuito del team building “made in Liguria”.

Una gamma di proposte ideate da Franco Laureri, responsabile del Centro Studi dell’alberghiero di Alassio, capaci di “catturare” i turisti a caccia di emozioni e di viaggi-ricerca.

Per dare seguito all’impegnativo sforzo organizzativo e per promuovere tale nuova proposta turistico-gastronomica, nell’ambito dell’evento sono stati predisposti un set video per le ricette, con le telecamere di Tele Varazze, e un servizio fotografico a cura del circolo fotografico S. Giorgio di Albenga, sulla ricerca del “bianchetto” di Balestrino.

Lo staff del team building ha affidato allo chef Renato Grasso il compito di ambasciatore di questa eccellenza ligure, attraverso una serie di videoricette in lingua russa, con protagonisti i tartufi di Balestrino e due testimonial d’eccezione: la pittrice russa Elena Buzhurina e Anna Baydyuk di Tour Event Liguria.

L’educational ha dimostrato che anche in Liguria, come nel vicino Piemonte, è possibile costruire, grazie al supporto e alla collaborazione dell’Associazione Tartufai e Tartuficoltori Liguri,un “network” di risorse materiali ed immateriali per diffondere l’immagine del tartufo bianchetto e, in generale, degli altri tartufi autoctoni.

“Ora – sottolineano infatti gli organizzatori – l’obiettivo è quello di creare una rete di relazioni e conoscenze capaci di connettere dalle strutture ricettive ai tartufai, dai ristoranti alle guide naturalistiche, al fine di generare interesse e valore intorno ad un’eccellenza come il tartufo ligure”.

La parte organizzativa del team building è stata gestita dal direttore di E.L.Fo. Liguria, Valentina Pesce, dai docenti del corso Franco Laureri, Matteo Zerbini e Pino Vallerga e coadiuvata dai corsisti Roberto Allegra, Chiara Ascheri, Giada Bonfiglio, Anna Domenica Codino, Luigi Marengo, Marinela Negoita, Donatella Nocerino, Alina Olinici, Silvia Terragno e Caterina Vio. Partners dell’evento, il panificio Cacciò di Gavenola e le aziende agricole La Casetta di Ranzo e Biovio di Albenga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *