Attualità

Tassa di soggiorno: ansie e rassicurazioni

turismo liguria

Così si esprime Fabio Tosi, portavoce del Movimento Cinque Stelle regionale, in merito alla tassa di soggiorno in via di essere applicata: “La tassa di soggiorno in Liguria? Una vera e propria giungla in cui ogni comune ha regole e applicazioni molto diverse tra loro, sia a livello di tariffe che di durata, come il MoVimento 5 Stelle aveva denunciato in tempi non sospetti. Risultato? Il caos. Che non solo non arrecherà benefici al settore turistico regionale, ma rischia addirittura di mettere in crisi tour operator, agenzie di viaggio e addetti ai lavori. È paradossale una tale discrepanza (con differenze di imposte fino a 3 volte) in comuni che si trovano a breve distanza tra loro, come nel caso del Tigullio, spezzato arbitrariamente in due tra Occidentale e Orientale.

L’unico a non essersi accorto del problema sembra essere l’assessore al Turismo Berrino, a cui abbiamo chiesto tempo fa di intervenire per regolamentare la tassa di soggiorno e porre fine a questo spezzatino. Pur restando fermamente contrari all’adozione di questo balzello, siamo consapevoli che, allo stato attuale, non si può tornare indietro, ma certo è possibile ragionare su una nuova regolamentazione della tassa che individui tariffe e durate univoche almeno provincia per provincia, ponendo un argine all’attuale giungla.

Se sul fronte dell’applicazione ancora non ci siamo, constatiamo, tuttavia, positivi passi avanti sul futuro reinvestimento delle risorse. L’assessore Berrino ha dichiarato che gli introiti derivanti dalla tassa di soggiorno saranno utilizzati espressamente per il turismo ligure. Un bel passo avanti, almeno a parole, che va nella direzione di una nostra mozione, in aula a fine gennaio, per la trasparenza delle cifre derivanti dall’imposta e il relativo utilizzo, voce per voce, di questo tesoretto in ambito turistico. A questo in Aula ci attendiamo da Berrino un voto favorevole alla nostra proposta. Solo così la tassa di soggiorno non sarà semplicemente l’ennesimo balzello inutile ma darà davvero un impulso concreto a un settore che vede la Liguria fanalino di coda italiano a livello di crescita”.

E’comunque da riferire che la legge stessa consente una discrezionalità dll’aliquota contenuta nei limiti del 5%.

Riferiamo inoltre, come evidenziato da altra testata nel maggio 2017, le linee guida del Patto per il Turismo, in allora siglato a Genova, al Palazzo della Borsa, da centossessantacinque su duecencentotrentacinque comuni liguri:

La Regione Liguria nel 2017 investirà oltre 10 milioni di euro per il comparto, di cui 2 milioni dedicati interamente ai Comuni aderenti al patto. Introdotte nuove regole sull’imposta di soggiorno, oggi sono solo sei su 235 i Comuni liguri che la applicano: Genova, La Spezia, Savona, Framura, Riomaggiore e Sarzana.

“I tributi degli enti locali sono bloccati dal Piano nazionale di finanza pubblica, quindi per il 2017 la tassa di soggiorno non ci sarà in nuovi Comuni, – spiegano Toti e Berrino – ma in caso di introduzione dell’imposta di soggiorno nel 2018, solo i Comuni turistici presenti nell’elenco potranno applicarla, con l’impegno ad utilizzare il 60% del gettito per progetti condivisi con le organizzazioni imprenditoriali locali del settore, il restante 40% dovrà comunque essere sempre impiegato per migliorie che abbiano ricadute sul comparto”.

L’obiettivo della Regione è ‘fare squadra’ e sviluppare una strategia di promozione coordinata. Nel dettaglio i Comuni aderenti dovranno partecipare al progetto #lamialiguria fornendo i dati sugli eventi e altre informazioni relative alla propria località che possono essere utili al turista, al progetto ‘Wifi Liguria’, se ve ne sono le condizioni tecniche, collaborare con la Regione e con l’Agenzia ‘In Liguria’ per la creazione e promozione dei prodotti turistici individuati dalla programmazione regionale e per la realizzazione di progetti turistici di eccellenza o inseriti nei programmi europei, gestire anche in forma associata tra più Comuni o, in collaborazione con altri soggetti pubblici e privati, gli uffici di informazione e accoglienza turistica.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: