sabato, dicembre 15, 2018
Home > Attualità > Tempietto Boselli, tra i preferiti dal FAI

Tempietto Boselli, tra i preferiti dal FAI


di Giorgio Siri - 12 giugno 2018, 22:10

Il Tempietto Boselli, capolavoro della  ceramica, risalente al 1785, opera di Giacomo Boselli, situato nei giardini del Prolungamento, a Savona, e spesso irriso anche a motivo della diceria popolare che lo voleva, un tempo, luogo di incontri particolari,  è stato inserito tra  i monumenti che partecipano al 9° concorso dei “Luoghi del Cuore” promosso dal FAI, Fondo per l’Ambiente Italiano.”Luoghi del cuore” è un modo di dire ormai comune,  per designare luoghi unici, compresi in una mappa variegata e sorprendente di siti legati all’identità e alla memoria di ognuno e di tutti! Che uno di questi luoghi possa trovarsi in stato di degrado e di abbandono, senza la cura necessaria a preservarne l’aspetto o un’adeguata valorizzazione per darne rinomanza, rattrista e offende, ma è possibile, con un voto on line espresso sul sito apposito del FAI, sottrarlo al suo destino e farlo rinascere.

Ad oggi il “luogo del Cuore” più votato in Italia è il Santuario della Madonna della Scala di Massafra, in provincia di Taranto, che ha raccolto 2007 apprezzamenti; in Liguria il consenso più alto è per il parco di Villa Grock, a Imperia, che con 485 voti è al 21° posto. Più sotto, al 50° posto, c’è appunto il Tempietto Boselli di Savona. con 207 voti.

Giacomo Boselli (1744–1808) è stato un famoso ceramista italiano. Appresi dal padre, anch’egli artista della ceramica, i segreti del mestiere, si recò a Marsiglia per imparare le tecniche che, allora, facevano, di quella città un centro reputatissimo per l’arte della ceramica. Verso il 1768 aprì la propria fornace, che produceva soprattutto maiolica e ceramica, imitando la maniera di Marsiglia. In società con Giuseppe Robatto, produsse oggetti di porcellana a pasta tenera e biscuit, in particolare figurine e gruppi da tavola (i trionfi) per la nobiltà genovese. Erano opere di gusto neoclassico e di soggetto mitologico o storico. L’opera più tipica di Giacomo Boselli rimane comunque il tempietto neoclassico rivestito di maiolica che il maestro costruì per il proprio giardino e che nel 1930 fu spostato nei giardini Dante Alighieri, al Prolungamento di Savona. Boselli il 3 novembre del 1808 nella sua dimora di campagna, nei pressi della parrocchia di Sant’Ambrogio, a Legino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *