martedì, Agosto 20, 2019
Home > Sport > Tennistavolo: a Loano si allena Paola Bevilacqua

Tennistavolo: a Loano si allena Paola Bevilacqua

Dopo una breve pausa estiva, il Tennistavolo Club Loano è pronto a ripartire. Nel mese di agosto, in attesa di riprendere a pieno organico, agli allenamenti della società loanese sono attesi “ospiti” di alto livello. Nella palestra Ramella di Loano, infatti, tra gli altri, verrà ad allenarsi Paola Bevilacqua. Milanese, nel suo soggiorno turistico a Loano ha intenzione di non perdere confidenza con il gioco, anche perché insegue un obiettivo di grande prestigio: le Paralimpiadi di Londra 2012. Nata il 25 gennaio 1963, tesserata per il Tennistavolo Sandonatese, potrebbe rappresentare l’Italia ai Giochi del prossimo anno. La storia della sua vita ne fa un esempio di grande coraggio e determinazione.

“Nasco come tennista abbastanza promettente – dichiara Bevilacqua al sito disabili.com -. All’età di 11 anni provo un pomeriggio a giocare a ping pong all’oratorio San Francesco di Milano e mi innamoro perdutamente di questo bellissimo sport. Dopo circa 6 mesi partecipo ai primi Giochi della Gioventù dove vinco il doppio e arrivo seconda nel singolo femminile. Qui vengo contattata da un giocatore dello storico Csi Milano. Cresco sportivamente e anagraficamente fino al primo titolo Assoluto vinto all’età di 15 anni, prima giocatrice di sempre per quei tempi ad essere numero 1 d’Italia d’assoluto e numero 1 d’Italia giovanile”. “Anni intensi pieni d’emozioni sportive ed umane – prosegue – mi hanno accompagnata in quattro Mondiali, tre Europei, diverse Leghe Europee e decine di titoli assoluti di individuale di doppio gara a squadre di serie A. Attraverso il tennistavolo sono anche riuscita ad aiutare gli altri meno fortunati di me, diventando allenatrice nazionale dell’allora Fisha, poi allenatrice nazionale Fitet, allenatrice Cip ed infine responsabile tecnico nazionale della Fisdir. Collaboro alla riabilitazione dei ragazzi difficili, mentali ed anche alla integrazione un ragazzo spastico con attacchi di epilessia, ottenendo risultati intensi che mi hanno lasciato dentro al cuore sensazioni di gioia e di pace. Anni stupendi che mi hanno arricchita dentro mentre da normodotata giovane e serena mi godevo il mio amato sport in giro per il mondo”. “Poi – racconta Bevilacqua – mi si è spenta la luce dapprima per colpa di un incidente di moto ed infine d’auto. Riporto varie lesioni in ogni parte del corpo ma in particolare nella zona cervicale dove subisco la torsione del dente dell’epistrofeo, emiparesi facciale con lesione totale della settima inferioreì, mi si producono sei ernie esterne nel collo ed un osteofita che comprimendo il midollo spinale mi impedisce di utilizzare la gamba sinistra ed il braccio sinistro. Segue un periodo buio e denso solo di dolore di cortisone e di paura di non poter più tornare a vivere normalmente e nemmeno a fare sport, anche a causa dei tanti chili presi”. “Subisco un primo intervento all’Istituto Neurologico Besta di Milano, grazie al quale riescono a ridurmi le ernie – spiega -. Il dolore e l’inutilizzo del braccio e della gamba procedono verso la parte destra del mio corpo progressivamente ed irreversibilmente. Devo essere sottoposta nuovamente ad un delicatissimo intervento per l’applicazione di una speciale protesi di titanio che blocchi le mie vertebre cervicali. Sfortunatamente durante l’intervento qualcosa non va per il verso giusto e mi ritrovo in rianimazione, uscendo dall’ospedale con un nuovo regalino: l’asma. Dopo un periodo tremendo di riabilitazione torna la luce e ottengo una nuova chance di vita che sfrutto immediatamente e dopo nemmeno otto mesi dall’intervento riprendo a fare gare di qualificazione per Pechino 2008. Torno a vivere, a perdere peso, torno a giocare, torno a vincere, questa volta nelle gare disabili col Cip”. Per quanto riguarda l’attività della società loanese, c’è una novità positiva. La società del presidente Christian Galfrè si presenterà al via dei prossimi campionati a squadre con quattro formazioni. Nella sua prima stagione, 2007/08, il Loano aveva una sola formazione (in D1); nella seconda e nella terza ne contava due (una in D1, una in D2); nell’annata 2010/11 tre (una in D1, due in D2). Confermando questo trend di crescita, il sodalizio loanese ha deciso di compiere un ulteriore sforzo, al fine di permettere ad un maggior numero di giocatori di poter prendere parte all’attività a squadre e, quindi, giocare più partite. Nel girone A della serie D1, pertanto, è confermata la presenza per il quinto anno consecutivo del Tennistavolo Club Loano con una formazione che avrà l’obiettivo di mantenere la categoria. In serie D2 saranno tre le squadre loanesi. Nessuna di queste avrà l’obiettivo dichiarato di vincere il proprio girone. Lo scopo, infatti, sarà quello di impiegare i giovani emergenti, i debuttanti e i pongisti più esperti che non trovano spazio in serie D1. In pratica, le tre formazioni che militeranno in serie D2 saranno composte da un mix di ragazzi e adulti, pronti a crescere insieme sul piano del gioco e dei risultati. Entrambi i campionati inizieranno sabato 1 ottobre. La nuova stagione sportiva si avvicina a grandi passi ed è tempo di riprendere gli allenamenti. Per gli adulti sarà possibile tornare a giocare già da domani, lunedì 1 agosto; i ragazzi riprenderanno lunedì 8 agosto. I più giovani si alleneranno dalle 16,45 alle 18,45; alla sera sarà invece possibile giocare dalle 20,15 alle 23. I giorni di allenamento saranno due: lunedì e mercoledì, sempre nella palestra Mazzini – Ramella in via Foscolo. Tutti coloro che sono intenzionati a provare, possono scrivere a tennistavololoano@email.it, oppure telefonare al 3282133838. I primi allenamenti sono gratuiti e aperti a tutti: ex giocatori, principianti… anche a chi non ha mai preso una racchetta in mano! L’obiettivo principale della società loanese, infatti, rimane come sempre quello di avvicinare al tennistavolo il maggior numero di persone.

Angelo Damiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *