domenica, Febbraio 24, 2019
Home > Musica > Terza settimana per Altare Glass Fest 2013

Terza settimana per Altare Glass Fest 2013


di - 18 Luglio 2013, 12:28

E’ arrivata alla terza settimana la manifestazione estiva organizzata dal Museo dell’Arte Vetraria Altarese: ancora tante novità e grande per un gradito importante ritorno in fornace. Oggi e domani i maestri vetrai altaresi Gino ed Elio Bormioli mostreranno al pubblico l’antica arte della lavorazione “à la façon d’Altare”, frutto di una tradizione secolare che da sempre caratterizza il piccolo paese di Altare.

Sabato e domenica ritorna Giancarlo Signoretto, maestro vetraio che rappresenta la prestigiosa Scuola del Vetro Abate Zanetti di Murano, erede dell’antica Scuola di Disegno per Vetrai fondata nel 1862 dall’abate Vincenzo Zanetti. Signoretto, nato nel 1962 a Venezia, inizia a lavorare a 14 anni seguito dal fratello Pino Signoretto, maestro vetraio di fama internazionale, continuando poi in numerose vetrerie veneziane. Nel 1989 apre la propria fornace, e matura esperienze artistiche di livello internazionale. Negli anni ’90 accresce la sua fama anche in Francia e negli Stati Uniti, collaborando come insegnante di lavorazione del vetro, attività svolta oggi alla Scuola del Vetro Abate Zanetti. Gradito ospite della prima edizione, Giancarlo Signoretto torna per mostrare al pubblico la propria arte. Anche questa settimana la fornace aperta nel giardino di Villa Rosa sarà attiva da giovedì a domenica dalle 17,00 alle 22,30, con ingresso libero. Domani alle ore 21, passeggiata in notturna nei dintorni di Altare organizzata in collaborazione con la 3A-CAI di Altare. Sabato 20 appuntamento con GustAltare: stand gatronomici con degustazione di prodotti tipici, vino, birra, musica e tanto altro vi accompagneranno in un viaggio lungo il centro storico del paese. Organizzata dal Comune di Altare in collaborazione con Associazioni e commercianti altaresi. Domenica 21 luglio, dalle ore 19,30, degustazione di prodotti tipici a cura di Ristorante Quintilio, Bar Rosa e Anna & Lucia. Alle 21, concerto “Celebrando Verdi” della Corale Monteverdi di Cosseria. Domenica inoltre, spazio dedicato ai bambini alle ore 16 con “E’ vetro, è sano…sano come un pesce”, laboratorio didattico per i più piccoli che, attraverso linguaggi e contenuti adatti alla loro giovane età, potranno confrontarsi con il vetro, materiale sano, sicuro e riciclabile all’infinito. I ragazzi avranno l’opportunità di lavorare sul vetro, imparando in prima persona che si tratta di un materiale estremamente duttile, dalle infinite vite; saranno guidati infatti nel trasformare delle bottiglie in bellissimi animali Durata: 2 ore circa. Costo: € 6 Sabato e domenica, dalle 15 alle 17, esperienza in fornace: un vetraio esperto sarà a disposizione di tutti coloro che vorranno avvicinarsi al mondo del vetro e per provare direttamente a lavorare il vetro soffiato. Non è necessaria alcuna esperienza. € 30 a persona. Prenotazione consigliata. Le visite guidate al museo e alla fornace partiranno infine alle ore 17 e alle 21. AGF intende dare nuovo spazio alla lavorazione del vetro soffiato, realtà millenaria che ha reso l’Italia famosa nel mondo. La lavorazione del vetro, che è stata per centinaia di anni il punto di riferimento per lo sviluppo economico, industriale e artistico dei territori e dei distretti cresciuti intorno ai grandi centri vetrari come Altare, nell’odierna crisi globale attraversa un momento di grave difficoltà. Altare, tutt’oggi centro vetrario tra i più importanti d’Italia e d’Europa, chiamando a lavorare fianco a fianco, accanto ai maestri vetrai altaresi, maestri provenienti dalle più diverse tradizioni vetrarie d’Italia e del mondo, vuole offrire un momento di riflessione sullo stato dell’arte di queste tradizionie sulla necessità di individuare gli strumenti per conservarle, svilupparle e rilanciarle nel prossimo futuro. Non dimenticate i numerosi eventi organizzati con la collaborazione delle Associazioni e dei Commercianti di Altare. Il programma completo è consultabile all’indirizzo www.museodelvetro.org, o visitando le pagine Facebook e Twitter del MAV.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *