domenica, Settembre 15, 2019
Home > Cultura e Musica > Terzo appuntamento di “Aperitivi Letterari”

Terzo appuntamento di “Aperitivi Letterari”

Terzo appuntamento di “Aperitivi Letterari” a Carcare. Questo giovedì alle ore 18.30 presso il bar “Baruccio” di via Barrili ci sarà la presentazione del libro “Toccalossi e il boss Cardellino” di Roberto Centazzo. La formula promozionale della rassegna “Aperitivi Letterari” è da tre anni un continuo laboratorio di sperimentazione. Quest’anno, il Consiglio di Biblioteca si è orientato sulla narrativa della Fratelli Frilli Editore, anche in virtù delle donazioni fatte dalla stessa al patrimonio librario della Biblioteca Civica, seguendo un percorso di presentazioni con gli autori nei locali carcaresi che hanno aderito alla proposta dell’iniziativa.

Gli “Aperitivi Letterari” esaltano l’accoglienza e la ricettività di Carcare, chi li sceglierà compirà un viaggio di approfondimento nella lettura, in 5 Giovedì consecutivi, dal 10 Maggio al 7 Giugno, scoprirà una parte del patrimonio editoriale della casa editrice Fratelli Frilli e le virtù enogastronomiche di 5 Bar carcaresi. L’aperitivo letterario è un “coktail”, una combinazione di elementi misurati per emozionare chi sapientemente ne condivide il carattere propositivo. Un itinerario programmato nei “luoghi carcaresi”, tra le righe, tra la gente, tra gli autori, con lo stimolo della conoscenza.

Il libro. Ferragosto: quale giorno migliore per iniziare a stilare una complessa requisitoria su un traffico di immigrati cinesi clandestini? L’ennesimo espediente di Toccalossi per procrastinare ulteriormente la partenza delle tanto detestate vacanze. Il maresciallo Centofanti, suo aiutante, non si tira indietro e resta a fargli compagnia, fotocopiando migliaia di fogli. Ma, a sera, la carta per le fotocopie è esaurita. Centofanti inizia a rovistare ovunque per trovarne un po’. In un cassetto rinviene per caso una foto che ritrae Toccalossi giovane: una foto del 1977, a cui è pinzata una lettera, una missiva che inequivocabilmente sancisce la fine di una storia d’amore. Centofanti, incuriosito, cerca di saperne di più. Toccalossi lo accontenta raccontando con nostalgia la storia di quello scatto: all’epoca, appena ventiquattrenne, era giudice istruttore a Genova. Nella sua prima indagine si occupò di dare la caccia al boss Vito Cardella, in arte Cardellino, uno spaccone di periferia ambizioso e spregiudicato desideroso di unirsi al clan dei marsigliesi per importare in Italia la droga. Un agosto insolito, passato in ufficio, tra i ricordi e il lavoro, con la meticolosità di chi sa, per esperienza, che l’errore giudiziario è sempre dietro l’angolo, e deve impegnarsi al massimo per evitarlo. Mafia cinese, poliziesco anni ’70 e, ciliegina sulla torta, un avvenimento imprevisto, anzi due, che fanno spostare ulteriormente (e con gioia) la data delle tanto bistrattate ferie. Mescolando con maestria generi e stili, un vortice di emozioni e di colpi di scena.

L’autore. Roberto Centazzo, giunto ormai al suo sesto romanzo (il terzo della serie Toccalossi) è gemelli ascendente gemelli e ha la luna in vergine. Per scoprire queste due fondamentali verità ha sborsato venti euro a una tipa vestita da chiromante che, sulla passeggiata di Varazze, gli ha predetto un futuro radioso.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *