venerdì, agosto 17, 2018
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > Tirocini? Roba da ricchi!

Tirocini? Roba da ricchi!


di Redazione - 3 agosto 2018, 14:30

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un ragazzo di Vado Ligure che ci parla delle difficoltà che si incontrano nel mondo del lavoro appena conclusa l’Università. Una lettera alla quale abbiamo deciso di dare spazio perché pone una questione cruciale per la parità di opportunità e lancia una proposta interessante che è stata da noi messa in grassetto. Sebbene la lettera contenesse il nome dello scrivente, ci è stato chiesto in un secondo momento di non diffonderlo. La scelta è stata quindi quella di usare Jacopo Ortis, un nome scelto non a caso per chi conosce le inquietudini del personaggio del Foscolo. (Michael Traman)

 

Alla cortese attenzione della redazione dell’Eco di Savona, 

 

Mi chiamo Jacopo Ortis, farò 27 anni il prossimo novembre e abito a Vado Ligure. Mi sono laureato da poco, con qualche anno di ritardo perché per mantenermi almeno in parte gli studi ho sempre fatto lavoretti. Ora, che finalmente posso anche io dare il mio contributo in famiglia, vorrei provare a trovare un lavoro in linea con i miei studi economici. Come tanti ragazzi, ho iniziato a mandare curricula in molti posti. Tanti via mail, ma qualche volta li ho portati anche di persona. Spesse volte sono stato chiamato per fare dei colloqui e in molti casi hanno anche avuto un esito positivo. Ma purtroppo ho già dovuto rifiutare due offerte. Il problema non è che non ho voglia di sacrificarmi o di spostarmi a Genova, dove nel mio settore c’è richiesta. La questione è che in molti casi la proposta che mi viene fatta è quella di lavorare per sei mesi, otto ore al giorno, guadagnando 500 euro al mese, che tolte le spese di viaggio diventerebbero almeno cento in meno. So bene che devo imparare tanto, ma so anche di non essere proprio uno sprovveduto, e credo che non passerei tutto il tempo a guardare gli altri, ma lavorerei anche nel vero senso della parola. Insomma, per quanto ogni lavoro abbia delle specificità, non devo mica imparare a dipingere come Raffaello, per fare un esempio decontestualizzato. A quelle condizioni, io non posso permettermelo un tirocinio perché in famiglia abbiamo bisogno di soldi dopo tutti i sacrifici fatti durante gli anni dell’Università. Mi mangio le mani ogni volta che rifiuto occasioni di lavorare in posti che ho sempre desiderato. Purtroppo, non viene neanche data una certezza di assunzione se il periodo di prova ha buon esito e mi dimostro capace, manca la prospettiva e la sensazione è quella di essere carne da macello a basso costo. Ecco, i tirocini sono roba da ricchi o almeno per chi sta bene, perché può provare senza l’assillo del guadagnare abbastanza. Io cercherò ancora, sperando soprattutto che le cose cambino e che, magari un giorno, il contributo economico per questi stage venga calibrato sul reddito della famiglia, QUESTO SIGNIFICHEREBBE DAVVERO DARE A TUTTI LE STESSE OPPORTUNITÀ. 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *