martedì, novembre 13, 2018
Home > Tempo libero > Toirano, un interessante percorso all’interno della “Grotta della Bàsura”

Toirano, un interessante percorso all’interno della “Grotta della Bàsura”


di SABRINA ROSSI - 13 settembre 2018, 18:00

A Toirano, un noto comune della provincia di Savona, si può trovare il famoso complesso delle Grotte di Toirano, visitabile dal 1953. Il percorso si svolge per 1300 metri sotterranei e parte proprio dalla “Grotta della Bàsura”, anche detta “della Strega”, scoperta il 28 maggio 1950 grazie alle esplorazioni dello studioso Nicolò Morelli Canonico di Pietra Ligure e persone locali che conoscevano l’ingresso di essa. Venne chiamata con questo nome, in dialetto locale, perché nella chiusura non ermetica vi è una stalagmite a pochi metri dall’ingresso con alcune spaccature attraverso cui fuoriesce dell’aria, producendo strani rumori, sibili: nella fantasia popolare, un tempo, questi fenomeni venivano ricondotti alla presenza di streghe.

All’interno di questa grotta si possono trovare meravigliose stanze di stalattiti e stalagmiti, scoperte in due tempi diversi: il primo tratto nel 28 maggio 1950 di circa 500 metri e il secondo dieci anni dopo di circa 150 metri. In questo ultimo tratto vennero trovate delle strane stalattiti rotonde e molto bianche, a forma di mammelle, battezzate col nome di “Antro di Cibele” e per questo motivo la caverna venne dedicata alla Dea della fertilità. Queste stalattiti si svilupparono grazie alla formazione di un antico lago che depositò il calcare per millenni attorno alle classiche stalattiti a punta facendole così diventare rotonde.

Molto importante è la presenza di segni di vita umana datata a circa 12.000-12.500 anni fa. Impronte di piedi, mani e ginocchia di Homo Sapiens (cacciatori nomadi provenienti dalla Francia), carboni di legna, tracce di torce sulle pareti e, nella “Sala dei Misteri”, numerose palline di argilla attaccate alla parete probabilmente per scopi rituali. Si possono osservare anche i resti di Ursus spelaeus, ossia l’orso delle caverne che abitò le parti più interne della grotta per il letargo in età preistoriche. La sua presenza è dimostrata dal ritrovamento di un gran numero di scheletri, impronte di zampe sul suolo e graffi sulle pareti: un vero e proprio cimitero di orsi. A causa di un grande raffreddamento della crosta terrestre avvenuto circa 24.000 anni fa, che provocò la morte di varie specie vegetali e animali, l’orso delle caverne non riuscì più ad accumulare un’ampia scorta di cibo specialmente i più piccoli. Non riuscendo così ad arrivare all’età adulta per la procreazione, si estinse questa razza di orsi giganti che potevano raggiungere mediamente i 2.80 metri in posizione d’attacco e un peso medio di 700-800 kg.

Rispetto a tutte le altre, la Grotta della Bàsura risulta la più importante per la vastità di reperti archeologici sia animali, sia umani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *