mercoledì, Giugno 19, 2019
Home > Cultura e Musica > Torna a Finale "Doc in Borgo"

Torna a Finale "Doc in Borgo"

Torna a Finale Ligure la rassegna “Doc in Borgo. Fatti, storie, racconti nei documentari”, organizzata dall’Assessorato alla Cultura della Città di Finale Ligure e dalla Biblioteca Mediateca Finalese e curata dal regista Teo De Luigi. In programma dal 2 ottobre 2011 al 3 giugno 2012 un film al mese, ad ingresso libero e collocato nel tardo pomeriggio della domenica, seguito da un aperitivo offerto in collaborazione con la Bottega del Commercio Equo Solidale.

Tutte le proiezioni si terranno all’Auditorium del Complesso monumentale di Santa Caterina in Finalborgo con inizio alle 17. Quella di quest’anno è la seconda edizione di Doc in Borgo. “Nel 2010 le proiezioni si tennero inizialmente nella Sala delle Capriate, ma la grande affluenza di pubblico ci costrinse a trasferirle all’Auditorium di Santa Caterina già dopo i primi appuntamenti. – dice l’assessore alla cultura Nicola Viassolo – ‘’Doc in Borgo’’ offre un’alternativa al pomeriggio domenicale trascorso in casa. E’ un invito ad uscire che ripeteremo anche con gli spettacoli della rassegna ‘’Percorsi teatrali’’ e con i concerti della stagione ‘’Percorsi Sonori’’, che sempre più spesso saranno programmati la domenica pomeriggio”. Il primo appuntamento sarà il 2 ottobre con “Liguria Ponente anni 50/60”, documentario del regista imperiese Paolo Saglietto. “L’apertura di quest’anno è un gesto d’amore per la Liguria di Ponente. – dice Teo De Luigi – I bellissimi film di Paolo Saglietto, conservati dalla Cineteca di Bologna e riscoperti dall’Università di Imperia, offrono allo spettatore uno spaccato poetico e storico, che abbraccia gli anni del neorealismo, dal 1950 al 1966, e vanno al di là del semplice documentario. Anticipano il genere della docu-fiction, oggi diffusissimo in tv, e si collocano come veri e propri corti”. I titoli sono: “Le Maschere”, “Il Molo”, “L’attesa” e “Cinema italiano in provincia”. Il secondo appuntamento, in cartellone il 13 novembre, è riservato al film “Polvere”, di Niccolò Bruna e Andrea Prendstraller, che racconta la vicenda delle morti causate dall’amianto nella zona di Casale Monferrato. Il 4 dicembre si proietterà “Rol” un film di Nicolò Bongiorno, figlio di Mike. “E’ un ampio ritratto del famoso veggente torinese. Un tema delicato trattato con grande misura e ironia”, commenta De Luigi. Per Doc in Borgo il nuovo anno arriverà l’8 gennaio con “Tankograd” di Boris B. Bertram, un lavoro che mette insieme la bellezza della danza (Tankograd è il nome della compagnia), la vita dei suoi danzatori e la realtà urbana che li ospita, Chelyabinsk in Siberia, città dall’inquinamento spaventoso e persistente fin dall’esplosione della centrale nucleare della vicina Mayak avvenuta nel 1958.  Il 5 febbraio sarà la volta dell’ultimo documentario di Davide Ferrario “Piazza Garibaldi”, un film sull’Italia di oggi per ricordare il 150° dell’unità: un segnale importante per dire che solo mantenendo la memoria si può guardare il presente e immaginare il futuro. “Almost Married” di Fatma Bucak e Sergio Fergnachino, in programmazione il 4 marzo, racconta “a rovescio” il problema dell’atteggiamento razziale. Una ragazza turca, vuole sposare un ragazzo italiano, ma deve tornare dal padre per ottenere l’autorizzazione, superando pregiudizi e tradizioni.  Il primo aprile Doc in Borgo ospiterà due lavori di Teo De Luigi: “Rito e sangue”, che mostra il sud con i suoi gesti di devozione estrema, e “Cittadella Cottolengo”, che mostra il nord, dove, nell’Istituzione torinese, emerge il bisogno di essere vicini alle persone che una volta venivano escluse dalla società.  “La stagione dell’amore” di Lorenzo Scurati sarà il film del 6 maggio. In questo documentario lo scrittore Antonio Scurati attraversa il Paese con ogni mezzo per raccogliere i commenti dei giovani sull’amore. Piazze, spiagge, università, luoghi di lavoro, parrocchie, sono visitate senza pudori, sull’onda di una famosa inchiesta di Pasolini degli anni ’60.

Chiuderà la stagione, il 3 giugno, “Giallo a Milano” di Sergio Basso. In questo lavoro il tema dell’integrazione è trattato in maniera originale: dopo l’uccisione di un immigrato cinese in una delle comunità più popolose di Milano, il regista racconta la possibile analisi del fenomeno attraverso un’indagine umana e una scrittura “gialla”. Al termine di ogni proiezione è previsto un breve spazio per le domande del pubblico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *