sabato, Ottobre 19, 2019
Home > Attualità > TPL NON LA SPUNTA CON LA PROVINCIA

TPL NON LA SPUNTA CON LA PROVINCIA

La Provincia di Savona avrebbe dovuto indennizzare Tpl Linea – il conto al centesimo era stato trasmesso all’ Ente a fine 2016 – tre milioni 298 mila 151 euro e, per dare maggiore incisività alla richiesta, l’azienda che gestisce il trasporto pubblico locale savonese, aveva pure intrapreso un’azione giudiziaria in Tribunale per vedersi riconosciuto il diritto a riscuotere. Alla fine, invece, Tpl Linea non avrà nulla, e anzi quasi dovrà ringraziare gli amministratori di Palazzo Nervi per aver abbuonato la somma di  10-12 mila euro di spese giudiziarie che la Provincia ha dovuto sostenere per affrontare la causa. Le pretese (disattese) di Tpl, riguardavano somme dovute per gli anni a partire dal 2014, a seguito della sottoscrizione da parte della Provincia del piano industriale dell’azienda, per il contributo annuo dovuto e per ulteriori contributi. La Provincia di Savona non aveva mai riconosciuto il debito, sostenendo che, a seguito della riforma degli Enti provinciali del 2014 era “impossibilitata” a destinare risorse – di cui peraltro non era in possesso in conseguenza dei tagli decisi dal governo – per funzioni che, come il trasporto pubblico, non rientravano più tra quelle fondamentali attribuite alle Province.

Il  giorno 13 giugno il Tribunale di Savona ha riconosciuto le ragioni della Provincia ed ha stabilito  che nulla è dovuto a Tpl Linea da quello che rimane, pur sempre e tuttora, il suo maggiore azionista, non essendo ancora riuscito ad alienare le quote detenute, nonostante due aste (andate deserte). Questione chiusa, comunque, in quanto, subito dopo la pronuncia della  sentenza, Tpl e Provincia hanno sottoscritto una transazione che impegna l’azienda a rinunciare ad impugnare la sentenza di primo grado, a rinunciare ad un’altra causa ancora in corso nell’ambito di un contenzioso con l’ex consorzio trasporti Acts (in questo caso la richiesta era di 256 mila euro) ed a dichiarare che “nulla è più dovuto dalla Provincia di Savona”.

Poichè la transazione prevede qualche contropartita, la Provincia da parte sua rinuncia a chiedere le spese legali che il Tribunale ha messo a carico di Tpl, parte soccombente in giudizio, e si impegna a sollecitare i Comuni ad affidare a Tpl i servizi di propria competenza (ad esempio gli scuolabus, la gestione dei parcheggi, ecc.) mentre “farà il possibile” per promuovere iniziative (di competenza comunale) per migliorare la viabilità, con nuove rotatorie e corsie preferenziali su cui vigileranno (auspica la Provincia)  telecamere pronte a individuare chi le invade indebitamente, per emettere opportuna sanzione.

 

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *