Home > Cultura e Musica > Tra Cello e Cielo. Concerto per violoncello, nel cuore del lago, sotto il cielo di Osiglia (SV)

Prima assoluta

Tra Cello e Cielo. Concerto per violoncello, nel cuore del lago, sotto il cielo di Osiglia (SV)

Prima assoluta

Non una rivoluzione ma sicuramente un giorno da ricordare il prossimo 14 luglio per gli abitanti e i turisti di Osiglia: per la prima volta dal centro del lago risuonerà la musica dei violoncellisti dell’Ensamble Dodecacellos, diretti dal maestro Andrea Albertini, che si esibiranno sull’acqua – anche perloro una prima assoluta – a partire dalle 18,30 con il concerto “Tra cello e cielo”. L’Ensamble DODECACELLOS è una formazione da camera, che ha avuto il suo debutto nel 2010 per la serata conclusiva di “Perosiana” festival di musica sacra, insieme al grande attore Ugo Pagliai. L’idea del direttore Andrea Albertini è creare un gruppo che diffonda la musica “colta” strumentale attraverso trascrizioni da lui stesso effettuate per il violoncello, il più affascinante tra gli strumenti ad arco. Il repertorio abbraccia tutta la storia della musica dal binomio barocco Bach-Haendel, passando attraverso indimenticati romantici come Mascagni e Saint-Saens, fino alla musica dei nostri tempi con Rota, Piazzolla, Morricone, Mancini.
Il concerto di domenica apre con “Away” (S. Sharp-Nelson), “Cello Song” (J. S. Bach) e “Allegro in sol
minore” (A. Vivaldi) per proseguire con un omaggio a Ennio Morricone e uno a Nino Rota, “Ave Maria”
(A.Piazzolla), “Folaghe” (F. De Andrè), “Over the rainbow” (H. Arlen), “Terra Aria” (G. Sollima); chiude un
omaggio ad Astor Piazzolla. L’Ensamble DODECACELLOS si esibisce con Davide Ravasio (saxofono), Luca
Moretti (percussioni); pianoforte e direzione: Andrea Albertini. L’evento, gratuito, è uno degli oltre 350 organizzati nel calendario da maggio a settembre del “Festival Identità e Territorio”, progetto culturale di rete curato dal Comitato Matrice, a cui hanno aderito 60 Comuni di quattro provincie (Alessandria, Asti, Cuneo e Savona). Il lago di Osiglia vanta altri primati: è il più grande invaso d’acqua dolce (13 milioni di metri cubi d’acqua) della provincia di Savona e la sua diga è stata la prima opera realizzata dal genio ingegneristico di Giuseppe Torno, la cui omonima società, nata nel 1929, si distinse per la costruzione di dighe – nel 1937 quella di Osiglia e nel 1958 quella del Vajont, unica opera che nel tragico 1963 resse all’impatto e alle conseguenze del distaccamento di una porzione di montagna per
problemi di carattere geologico provocando una tragedia indelebile – e per strade, autostrade e ferrovie. Il lago artificiale si trova in un sito naturalistico di interesse comunitario (SIC), un territorio formato da 37 kmq di bosco
di castagno, faggio, rovere e conifere. L’acqua del lago, la cui profondità raggiunge i 70 metri vicino alla diga, è di classe A grazie all’assenza di scarichi e alla sua alimentazione data dal torrente Osiglietta, la cui fonte è immediatamente a monte del lago. È quindi possibile e piacevole la balneazione dalle uniche due spiaggette del lago, che, attraversato a metà dal ponte Manfrin per accedere a una piccola frazione abitata, ha una superficie estesa: 3 km di lunghezza per 200 metri di larghezza alla diga. “La realizzazione di questo primo concerto sul lago” – afferma Paola Scarzella, Sindaco di Osiglia – “rappresenta un’occasione unica di valorizzazione del patrimonio dell’area naturalistica protetta. Coltivare una nuova vocazione culturale, da affiancare a quella del canottaggio e della pesca sportiva, di grande attrattività, è una delle strategie che l’amministrazione vuole mettere in atto e perseguire per lo sviluppo locale dei prossimi anni.” Il Comune di Osiglia, di 464 abitanti (nel 1300 era considerevolmente popolato poiché, contando solo gli uomini, erano 180) è tra le località con la migliore qualità ambientale di tutta la Valle Bormida, una delle tre marche aleramiche della Liguria a cavallo del X secolo, territorio conteso dalla Francia, la Spagna e i Savoia per l’importanza strategica sia per il controllo dei valichi alpini, sia per la difesa del marchesato del Finale, rappresentando la possibilità di un porto sul mare. È un luogo affascinante reso ancora più magico, ogni decina d’anni, dallo svuotamento per ragioni di manutenzione del lago artificiale, rivelando lo spettacolo straordinario dei resti del vecchio paese sgomberato e sommerso per costruire la diga. Per questo evento si dovrà attendere fino al 2025, ma l’amministrazione ha in serbo appuntamenti con la cultura che non mancheranno di stupire il pubblico a partire dal concerto “Tra il cello e il cielo” di domenica 14 luglio.
Il concerto sarà godibile dall’imbarcadero e dal belvedere del bar “Al Mazut” posti sulle due rive opposte del
lago. La piattaforma – realizzata dalla &ECO Srl fornitore di quella pensata dall’artista Christo per lago di Iseo
– galleggerà a circa 30 metri dalla riva, ancorata alla costa con un “vitone” che sopporta il peso di 800 kg; 4
ancore impediranno alla piattaforma di prendere il largo.I concertisti raggiungeranno la piattaforma in modo originale, da scoprire al momento. L’area riservata alla visione del pubblico sarà accessibile dalle ore 17.
Si arriva a Osiglia solo su strada (A6 Torino-Savona o A10 Genova-Ventimiglia e strade statali o provinciali da
Savona o Ceva in direzione Millesimo oppure da Finale Ligure). Il “Festival Identità e Territorio”, forte anche della sessione “La Valle Bormida si Espone”, ha registrato lo scorso anno circa 70mila partecipanti ai 172 appuntamenti culturali (22 cinematografici in rassegne e festival, 54 espositivi e 96 musicali) e altrettanti enogastronomici e sportivi. Numeri importanti per un’area di margine che sta facendo conoscere o riscoprire il suo
patrimonio paesaggistico, storico e architettonico di tutto pregio.L’offerta culturale s’inserisce nel più ampio piano di  valorizzazione “ Valle Bormida. Un’attività di pensiero”, una rete permanente di risorse attivata per dare nuovo impulso allo sviluppo locale in uno spirito di collaborazione e integrazione delle progettualità, percorso reso possibile negli anni grazie al sostegno della  Compagnia di San Paolo, della Regione Piemonte, della  Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo e della Fondazione CRT L’organizzazione è di:  Comitato Promotore Matrice Fondazione di Partecipazione e Comune di Osiglia. Il calendario degli appuntamenti del festival è aggiornato su www.valbormidaexperience.eu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *