sabato, dicembre 15, 2018
Home > Cultura > Tra nobiltà e araldica, “D” maiuscolo o minuscolo?

Tra nobiltà e araldica, “D” maiuscolo o minuscolo?


di FELICINO VANIGLIA - 27 settembre 2018, 10:49

Carissimi lettori dell’Eco, ebbene sì, il Di prima del cognome andrebbe sempre maiuscolo.Ecco che la sentita questione è finalmente risolta e spiegata. Nel mentre il di minuscolo va dopo il cognome e prima di un toponimo araldico alias predicato nobiliare(quando la titolatura nobiliare era riconosciuta, succedeva che un titolo nobiliare poteva essere appoggiato su un feudo nobile, secondo taluni araldisti anche una qualifica nobiliare appoggiata su un comune nobile, facevano sì che tali toponimi – nomi di località erano detti appunto predicati nobiliari). La nostra attuale Costituzione li riconosce come parte del cognome ma, attenzione, senza riconoscere la ripetuta titolatura nobiliare. Il Dee il D maiuscolo sono parte integrante del cognome, il da minuscolo(per esempio da Cepparello) idem. Le particelle nobiliari sono il ‘di-de’ minuscolo agganciato ad una indicazione territoriale o ( raramente ) astratta ovvero un predicato . Secondo l’Accademia della Crusca la regola è questa.Il “de” o “di” si scrive minuscolo quando è parte di un predicato nobiliare, ad esempio avremo “Benso Conte di Cavour” per il capo della casata (che ha o aveva diritto al titolo) e “Benso di Cavour” per gli altri membri della famiglia (o anche “Benso dei Conti di Cavour”, ove occorra tanta precisione). Negli altri casi, il “De” o “Di” è a pieno titolo un nome proprio, esempio “Gianfranco D’Angelo”, e va scritto con la lettera maiuscola. Sembra che alcuni tengano particolarmente (a volte senz’alcuna ragione) alla lettera minuscola.
Cognomi con il “de”. Secondo il professore Giorgio De Rienzo, massimo esperto in materia, il libero arbitrio avviene perchè c’è libertà di scelta o perchè l’Anagrafe censisce maiuscolo e minuscolo che poi bisogna in qualche modorispettare .Il “de” minuscolo pertanto non è necessariamente nobiliare. Prendiano ad esempio il diffuso cognome De Feo presente in ben 368 comuni d’Italia pari a 934 famiglie. Personaggi di popolarità ed importanza eccezionale come l’ammiraglio Vincenzo De Feo, che fu governatore di Eritrea hanno la De maiuscola come l’architetto Vittorio De Feo, l’oculista di Alassio Fabio De Feo o il calciatore dell’Ascoli Gianmarco De Feo. Altri invece come il giornalista Fabrizio de Feo hanno la de minuscola e non certo per motivi di natura nobiliare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *