lunedì, Novembre 18, 2019
Home > Attualità > Trasfigurazione

Trasfigurazione

Meditazione di Gianluca Valpondi

Bella, mistica, profonda ed entusiasta riflessione dell’amico Gianluca Valpondi, adatta ai pensieri della domenica. (Giorgio Siri)

 

Quando la ragione si immerge nella contemplazione, a presiedere il suo atto è il principio della bellezza, che spinge l’anima contemplante fino alle essenze perfettissime, agli archetipi di ogni ente. Vedere “il più bello tra i figli dell’uomo” nella sua divina irradiazione è vedere l’archetipo dell’essere umano, l’uomo perfettissimo, il Figlio dell’uomo che realizza nel suo fulgore inaccessibile la Legge e la Profezia, ogni legge ed ogni profezia. Nella nube soave dello Spirito Santo, il Padre dà testimonianza al suo Figlio amato, e così la Santa Trinità si mescola senza confusione col genere umano. Mosè ed Elia sono già loro stessi circonfusi di gloria divina e chissà che i loro corpi non vengano dal futuro ormai risorto? Pietro balbetta qualcosa, non si raccapezza perché il sovramondo spiazza i “terresti”; Giacomo e Giovanni, di solito così focosi, sono storditi da quel mare di bellezza, che non è umana, ma che splende nel fondo del fondo del loro cuore, che loro non conoscono. Gesù, tu che ci conosci e ci ami, abbi pietà di noi che non ti conosciamo e non ti amiamo! Gesù, tu che ci conosci e ci ami, abbi pietà di noi che non ci conosciamo e non ci amiamo! Gesù, rivelati a noi! Rivelaci a noi stessi! Trasfigùrati in noi, trasfiguraci in te! Già l’occhio penetrante della pura fede trasfigura la realtà con la luce del divino amore, che scalda illumina modella il mondo e lo plasma e riplasma, crea e ricrea, rinnova l’opera della creazione e custodisce ciò che ha rinnovato. Viviamo già, e ancora aspettiamo, cieli nuovi e terra nuova. Trasfiguràti dal di dentro, gettiamo sul mondo lo sguardo luminoso del Cristo luce vera, Luce da Luce, e in questa Luce e con questa Luce e per questa Luce cominciamo e ricominciamo sempre la trasfigurazione del mondo: nella speranza siamo salvati. Di gloria in gloria, di luce in luce, riflettendo vieppiù l’immagine di Dio, aspettiamo l’adozione a figli e che questo nostro corpo mortale sia rivestito d’immortalità.

 

Immagine: Trasfigurazione di Giovanni Bellini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *