martedì, Gennaio 22, 2019
Home > Attualità > Trasporti ferroviari: incontro alla Ubik

Trasporti ferroviari: incontro alla Ubik


di Giorgio Siri - 12 Novembre 2017, 21:20

fabbriche aperte 2014 trenitalia savona

Dopo il seguito avuto dal convegno tenutosi nel giugno scorso presso il Palazzo della Provincia di Savona “per un nuovo modello di mobilità ferroviaria nel territorio savonese”, si è ripreso il tema in un affollato incontro pubblico presso la libreria Ubik di Savona.

Afferma Mauro dell’Amico di “Noi per Savona”“Mentre in tutta Europa e nel Nord Italia le infrastrutture ferroviarie vengono potenziate, anche in vista della necessaria limitazione del trasporto su gomma, sul territorio savonese si verifica – ormai da decenni – un depotenziamento delle linee e conseguentemente dei servizi sia per passeggeri che per merci.”

“Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti: dal traffico caotico nelle domeniche d’estate alle colonne di autocarri sull’Aurelia e su tutte le strade e autostrade della provincia; dal difficile collegamento tra il porto e l’entroterra, all’inquinamento e ai frequenti incidenti stradali; per non parlare del mancato sviluppo produttivo dovuto anche all’inefficienza dei collegamenti.”

Giorgio Ajassa e Dario Zucchelli, già dipendenti delle Ferrovie dello Stato, sostenuti da “Noi per Savona” e con numerose altre adesioni, grazie alla loro esperienza professionale, propongono alcuni interventi strutturali che potrebbero recare significativi miglioramenti e rendere più efficienti i trasporti ferroviari.

Così si esprimono: “In particolare, posando il secondo binario sulla sede già predisposta tra Savona e S. Giuseppe di Cairo via Altare, si potrebbe realizzare un trasporto passeggeri cadenzato con funzione di treno suburbano tra il capoluogo e la Valbormida; nel contempo si renderebbero disponibili nuove tracce per le merci anche in vista dello sviluppo delle aree portuali savonesi e degli importanti traffici di container previsti verso il Piemonte e la Lombardia. Ne conseguirebbe un alleggerimento dell’attuale servizio autobus che potrebbe convertirsi in un trasporto capillare ed integrato verso i paesi non toccati dalla ferrovia, come già avviene in maniera efficiente in numerose realtà italiane e straniere.”

“Una seconda proposta riguarda il riutilizzo della ferrovia Cuneo-Mondovì. Questa, chiusa da alcuni anni anche se recentemente ammodernata, consentirebbe – previa elettrificazione – di aprire nuovi e veloci collegamenti tra il Cuneese e la Riviera di Ponente evitando il transito da Fossano e il cambio di treno.”

“La proposta forse più importante riguarda l’eliminazione del collo di bottiglia (a binario unico e con limitazioni dovute alla vetustà della linea) presente tra S. Giuseppe di Cairo e Ceva. Una variante di circa 20 km consentirebbe di eliminare alcune acclività e le carenze strutturali fornendo un collegamento ottimale tra Savona e Torino. Inoltre, senza necessità di interventi strutturali, è possibile intensificare il servizio tra San Giuseppe di Cairo ed Acqui ed istituire sulle riviere a ponente e a levante di Savona (Savona-Varazze e Savona-Finale Ligure) un servizio su ferro con treni bidirezionale e tempi di percorrenza di circa 15 minuti per tratta, assolutamente competitivi con i tempi di percorrenza su strada”.

Belle idee, un po’ fantasiose forse, mi si consenta, da semplice profano utente del treno. Comunque, già abbiamo insistito sul fatto, e per chi è esperto dovrebbe essere più che lampante, finché la ferrovia che percorre l’arco ligure sarà strozzata dal binario unico fra Finale e Andora, le belle idee sono destinate a rimanere tali ed a fermarsi a Varazze ed a Finale – in ogni caso dopo Varazze il binario è doppio! – Il lato interessante però, anche su questo si eravamo soffermati è che, mentre si sostiene, e giustamente e da decenni,il potenziamento della rete ferroviaria, quando appare un progetto di sviluppo della rete ferroviaria, immediatamente le proteste e le contestazioni si levano frementi, magari da parte degli stessi che recriminano l’eccessivo trasporto su strada, è il caso Tav, in Val di Susa, ne è l’esempio più eloquente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *