lunedì, Novembre 18, 2019
Home > Cultura e Musica > Tre artisti budriesi della collezione Gamberini

Tre artisti budriesi della collezione Gamberini

di Redazione

Classe 1926, Graziano Gamberini dagli anni ’70 ha alternato la professione di ebanista a quella di appassionato collezionista di opere d’arte. Dopo innumerevoli mostre realizzate nel corso degli anni attingendo dalla sua collezione, ora Gamberini propone le opere di tre artisti, Majani, Mazza e Parini che, seppur diversi per poetica e percorso artistico, sono però accumunati dalla comune origine budriese. La mostra si terrà alla Sala rosa dal 24 settembre all’8 ottobre 2016 con il supporto dell’Associazione “ Senza Confini” e il patrocinio del Comune di Budrio.

Augusto Majani (1867-1959) è stato il primo pittore che Gamberini ha amato ai suoi esordi di collezionista. Formatosi all’Accademia di Belle Arti di Bologna e perfezionatosi all’analoga Accademia romana, Majani alternò la pittura all’attività di illustratore e di caricaturista, firmandosi in questa veste “ Nasica”. Fra le più importanti mostre ricordiamo la partecipazione alle Biennali veneziane dal 1897 al 1924 e le annuali mostre bolognesi della Francesco Francia. Dal 1905 al 1937 insegnò all’Accademia di belle Arti di Bologna e furono suoi allievi Giorgio Morandi, Osvaldo Licini, Giovanni Romagnoli, Alfredo Protti e Bruno Saetti.

Il secondo artista proposto da Gamberini è Dante Mazza, nato a Budrio nel 1948. Formatosi all’Accademia di Belle Arti di Bologna, ha poi insegnato nella stessa Accademia dal 1969 al 2007.Dal 1992 è Presidente della  Fondazione Collegio Artistico Venturoli di Bologna, succedendo a Paolo Manaresi. Dedicatosi fin dagli esordi alla pittura e alla grafica, dal 1980 il suo interesse si  è rivolto anche alla scultura e alla ceramica. Nel 1988 ha vinto il concorso per l’esecuzione della pala celebrativa in occasione della Canonizzazione di Santa Clelia Barbieri e da quel momento la sua pittura, dopo un trentennio d’astrazione, ha subito una svolta verso la figurazione e l’arte sacra.

Il terzo artista proposto da Gamberini è Giampaolo Parini (1941-2015) che, dopo gli studi artistici a Bologna e Firenze, si è trasferito in Liguria, dove ha svolto la sua attività di ceramista-scultore . Dal 1964 al 1991 fu docente di Discipline Pittoriche al Liceo Artistico “ A.Martini” di Savona.E’ stato membro del Consiglio Direttivo dell’Accademia Linguistica di Belle Arti di Genova. Della sua attività si sono occupati critici e storici dell’arte tra i quali G.C.Argan, R.Bossaglia, L. Budigna, C. Corazza, G. Falconi, M. DeMicheli, C.Maltese, R.Margonari, C.L. RagghianTi, S. Riolfo Marengo e A.Trombadori. E’ ancora vivissimo il ricordo della sua ultima mostra “Le sacre du Printemps” del 2015 alla Sala Rosa di Budrio, commiato dal proprio paese, alla quale non ha potuto partecipare.

Il curatore della mostra, Dante Mazza, effettuerà due visite guidate all’esposizione della Sala Rosa nei giorni di sabato 1 e 8 ottobre alle ore 17,30

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *