domenica, Ottobre 20, 2019
Home > Attualità > Treni: il Movimento Cinque Stelle torna sul 16 agosto

Treni: il Movimento Cinque Stelle torna sul 16 agosto

Sotto accusa il "contratto di servizio"

Non si placa la polemica sull’incredibile soppressione, da parte di Trenitalia,  di 23 treni il giorno 18 agosto, per mancanza di personale in servizio. Anche il Movimento Cinque Stelle dice la sua, non facendosi perdere l’occasione, e parla, anch’esso,  di “disastro”; la capogruppo in Consiglio Regionale, Alice Salvatore, così si esprime in merito:
“Dopo il disastro di ferragosto, e dopo le dichiarazioni rilasciate, riteniamo doveroso che l’assessore Berrino divulghi l’ammontare preciso delle penali comminate a Trenitalia. Parimenti, l’assessore comunichi su quali basi intenderebbe rescindere il contratto di servizio, dato che purtroppo non pare una via percorribile in quanto Regione a suo tempo stipulò un contratto ‘capestro’ tutto a favore di Trenitalia e senza vantaggi per utenza e servizio”. Così la capogruppo regionale Alice Salvatore, che poi chiede: “Come si riuscirà a risolvere anche l’altro annoso problema che attanaglia tutti gli utenti e in particolare i pendolari, che fanno un uso quotidiano dei treni: la sporcizia all’interno dei vagoni?”. “Per quanto riguarda l’increscioso episodio del 16 agosto, che non è certo isolato, insieme a molti altri analoghi disservizi – prosegue la consigliera – proponiamo a Regione e Trenitalia di istituire un bonus premio per risarcire gli utenti dei disagi subiti, che possa tradursi in abbonamenti gratuiti, in futuri biglietti gratis, compatibilmente con le normative vigenti. Perché non basta rimborsare di quanto l’utente spende, bisogna anche indennizzare il danno e il disagio”. “Chiediamo infine – conclude – che sia convocato al più presto un tavolo di discussione con Trenitalia da parte di Regione, proprio per porre le basi della necessaria ridiscussione del contratto di servizio fra Trenitalia e Regione, da farsi nei termini e nei tempi consentiti”. MoVimento 5 Stelle Liguria.

Il silenzio glaciale di Trenitalia, mentre le polemiche divampano, è irritante, ma esagerare i fatti senza conoscerli, attitudine tipica del Movimento Cinque Stelle e, con esso, della consigliere Salvatore, non promuove la giusta causa contro i demeriti di Trenitalia: non è vero che sui treni c’è tutta questa sporcizia; certo che i maleducati e gli incivili, le cui schiere sono in continuo rinfoltimento, non si fanno scrupolo di lasciare cartacce, lattine, di stravaccarsi mettendo i piedi sul sedile di fronte, con le scarpe naturalmente, ma non si deve nemmeno senza, salvo poi lamentarsi pure loro, anzi saranno i più accaniti detrattori, ma sui treni la pulizia viene eseguita ed infatti l’odore che rimane appiccito ai vestiti è quello del disinfettante-detergente che viene usato, così come sconfina nel ridicolo la proposta dei biglietti gratis, altrettanto delle assurde norme di Trenitalia sull’utilizzo e sull’impossibilità del rimborso dei biglietti, che, sino a pochi anni fa, ad eccezione dei titoli di viaggio degli Intercity, erano validi per due mesi! E poi la continua diatriba sul “contratto di servizio” senza spiegare mai perchè sarebbe un “capestro” a favore dell’Azienda ferroviaria contro la Regione e gli utenti! Se si vuole far valere le proprie ragioni è meglio attenersi agli inconvenienti accaduti che, questo è vero, non si limitano ai fatti del 16 agosto, ma vanno dal sovraffollamento di certe occasioni, quando il semplice raddoppio di una corsa limiterebbe o risolverebbe il problema, ai ritardi che affliggono soprattutto i treni frequentati da pendolari, ai guasti ai locomotori, all’incredibile mancato funzionamento degli impianti di condizionamento, quando fa’ caldo, che talvolta si verifica, coi finestrini bloccati! Almeno si potesse aprirli … no, bisogna soffocare! Con ciò non si devono ignorare i lati positivi, come i lavori che hanno modernizzato le stazioni, comprese quella di Savona e le due di Genova, la comparsa di nuovo materiale, recente ad esempio l’utilizzo dei locomotori E414, adibiti in genere al “Frecciabianca”, per il traino degli Intercity Milano – La Spezia e Milano – Ventimiglia; è infatti ciò che rende ancor più detestabili gli “autogol” di Trenitalia è mettere in ombra i propri meriti con gli inconcebili disguidi che non è capace di evitare!

 

 

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *