lunedì, Febbraio 24, 2020
Home > Attualità > Trofeo Laigueglia: cinquantacinquesima al top

Trofeo Laigueglia: cinquantacinquesima al top

Mancano pochi giorni all’edizione numero 55 del Trofeo Laigueglia, vinta l’anno passato da Fabio Felline, la gara ciclistica che quest’anno aprirà il calendario professionistico italiano, vista la cancellazione del GP Costa degli Etruschi. La classica ligure si disputerà domenica 11 febbraio e sono già iscritte 23 squadre di cui diverse di categoria World Tour. Il Trofeo Laigueglia si è visto rinnovare dall’UCI lo status di corsa di categoria 1.HC ed è stata confermata la trasmissione in diretta televisiva, in Italia ed all’estero, delle fasi conclusive della corsa.

La “mission” del Laigueglia, al di là del notevole rilievo sportivo, è quella di promuovere il territorio. E qui si situa la seconda novità di questa edizione. Col passare degli anni sono cambiati i mezzi di diffusione, affiancando a quelli tradizionali ovvero stampa e televisione, i nuovi: internet e i social. Si parla sempre più spesso di Laigueglia, in Italia e nel resto d’Europa, anche grazie ai nuovi sistemi di comunicazione.

A supporto della corsa sono presenti in rete due siti internet: uno istituzionale ed uno dedicato agli appassionati. Nel primo, (www.trofeolaigueglia.it), si possono trovare tutte le notizie essenziali ed importanti sullo svolgimento della manifestazione e, nonostante sia rivolto soprattutto agli addetti ai lavori, raggiunge numeri di contatto di tutto rispetto con visite da ogni parte del pianeta, anche da luoghi impensati; ovviamente la maggior parte degli accessi avviene dall’Italia e dai paesi europei, ma le circa 50.000 visite provengono da ben 88 nazioni. Per quanto riguarda il contenuto del secondo sito (www.trofeolaiguegliastory.jimdo.com), vi si trova una raccolta dettagliata e completa di tutte le 54 edizioni sino ad ora tenutesi con percorsi, elenchi partenti, fotografie, interviste, video ed ogni altro genere di curiosità.

Comunque, da qualche anno, non sono più sufficienti i soli siti internet: la nuova frontiera della comunicazione è rappresentata dai social network e, nel caso, si può proprio affermare che il Laigueglia ha completato il percorso digitale necessario. Il vero fiore all’occhiello della comunicazione della corsa è l’account Twitter (@illaigueglia) che genera numeri da capogiro ed è in crescita continua da quando è stato creato. Nel solo 2017 ha avuto oltre 3.000.000 di visualizzazioni dei tweet. Il Trofeo Laigueglia è pure presente su di una pagina Facebook,  su di un account Instagram e su di un canale YouTube, dove sono caricati i video di ben 37 edizioni, comprese le prime, su 54. Tali dati attestano il successo mediatico di questa corsa che, ora più che mai, insieme col sicuro successo sportivo, è ritenuta, da parte della Regione Liguria, uno strumento idoneo, e ideale, per la promozione turistica.

Il Trofeo Laigueglia venne istituito quando Giancarlo Garassino (Boissano, 1934) era presidente dell’Azienda Autonoma di Soggiorno della cittadina rivierasca: era, per l’Italia, il periodo indimenticabile del “boom” economico e l’azienda  sfornava nuove idee condividendo, con l’Associazione albergatori, guidata da Angelo Marchiano, la volontà di conquistare nuovi mercati attraverso iniziative che attirassero i turisti nei mesi invernali. Così, verso la fine del 1963, nel ribollire di idee diverse e geniali, Luigi Agnelotti, uno dei soci dell’Associazione albergatori, contando fra i suoi ospiti Pino Villa, propose con lui di organizzare proprio nella cittadina rivierasca la gara di apertura della stagione ciclistica  del 1964. Villa era direttore di una famosa squadra ciclistica , il “Gazzola” ed era il manager di Charly Gaul (1932 – 2005), grande ciclista lussemburghese, noto come l’ “angelo della montagna”, che era solito allenarsi a Laigueglia. La proposta fu subito accolta e condivisa dall’allora sindaco Giuseppe Giuliano, da Giancarlo Garassino e dall’intera Associazione, con l’obiettivo di rilanciare l’economia turistica locale nella bassa stagione.
La macchina si mise subito in moto e, con spiccato spirito manageriale, Garassino riuscì a mettersi in contatto con personaggi del mondo sportivo e non solo; ci si riuniva,la sera, in casa di Beniamino Schiavon, al quale spettava il compito di reperire le risorse finanziarie per realizzare questa idea coraggiosa e rivoluzionaria.
I rapporti che si riuscì ad instaurare con i personaggi di spicco nel campo sportivo, diedero fantastici risultati ed alle promesse di aiuti seguirono i fatti. Fu così che, dopo alcuni mesi di accanita preparazione, nel 1964 prese il via il primo Trofeo Laigueglia, che fu vinto da Guido Neri.
La corsa attirò una folla incredibile, Tuttosport titolò “Qui Laigueglia buongiorno ciclismo” e l’evento ebbe eco su altri giornali, alla Radio ed alla Televisione.

Fra i vincitori del Trofeo Laigueglia, oltre al primo, Guido Neri (Cesena, 1939), a suo tempo nome di spicco, si contano figure di primissimo piano del ciclismo come Bitossi, Dancelli, Baronchelli, Saronni, Moser, Merckx, De Vlaeminck, De Rooy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *