lunedì, Febbraio 24, 2020
Home > Attualità > Turismo in Liguria in altalena

Turismo in Liguria in altalena

Continuano le diffusioni di cifre contraddittorie

I dati di luglio confermano che per il turismo ligure (e savonese) il 2019 è un anno complicato e sostanzialmente negativo sotto l’aspetto numerico. Dopo il buon andamento di giugno ci si attendeva una conferma nei mesi di alta stagione, ma così non è stato. I dati diffusi ieri dall’Osservatorio Turistico Regionale indicano che a luglio c’è stata una generale contrazione delle presenze su tutto il territorio ligure, con una punta proprio in provincia di Savona dove il calo è stato del 6,7%, seguita da Genova (-4,4%), La Spezia (-3,6%) e Imperia (-1,8%). In particolare, in provincia di Savona, i pernottamenti sono scesi da un milione 063 mila del luglio dello scorso anno agli attuali 991 mila, di cui 747 mila italiani (-5,2%) e 244 mila stranieri (-11,0%).

Tra gennaio e luglio le presenze in Liguria sono state pari a 8,5 milioni, con una flessione del 3,2% rispetto ai quasi 8,8 milioni dei primi sette mesi del 2018. Il maggiore calo si è registrato in provincia di Genova (-4,6%), seguita da Savona (-4,3%) e La Spezia (-3,0%); in controtendenza Imperia che segna un sia pur modesto +0,5% nei confronti dello scorso anno. Nel Savonese, tra gennaio e luglio, le presenze sono scese da 3 milioni 191 mila a 3 milioni 052 mila; la componente straniera ha avuto una flessione dell’8,9%, passando da 799 a 728 mila pernottamenti.

Come al solito, senza parole rispetto ai numeri pubblicati all’inizio del mese, sulla scia dei dati – aleatori – diffusi dal Codacons, che riportiamo traendo dal nostro pezzo del 2 settembre, nemmeno un mese fa:”…la Liguria al quarto posto tra le regioni preferite dal turismo balneare – almeno così si intende – dopo Puglia, Sicilia e Toscana, prendendo in considerazione il 60% del 70% dei 34,5 milioni di italiani che hanno avuto accesso ad un periodo di vacanza, numero che sembra eccessivo ma, sempre secondo Codacons, nel 2009 “in piena crisi economica”, i “vacanzieri” sarebbero stati 24.2 milioni. Cifre fumose, mi si consenta, basate su non si sa quali indici e quali rilevazioni, e forse è per questo che, talvolta, i vari “osservatorii”, al mattino riportano dati ed al pomeriggio altri contrari, basti confrontare due titoli di articoli del “Secolo XIX”, a poco più  di un mese di distanza: “Turismo in Liguria, dati negativi per il 2019. Crollano le prenotazioni degli stranieri e scoppia la polemica – il 17 luglio 2019 –  e Estate 2019 in Liguria: presenze in crescita e “boom” di stranieriil primo settembre.

In evidenza pure le cifre, contradittorie al massimo, che la stampa nazionale diffonde a seguito, verosimilmente, dei comunicati dei vari osservatorii che, realmente, non si riesce a comprendere che cosa osservino: forse essi stessi hanno a disposizione dati non certi. Eclatante il divario delle cifre riguardo al turismo straniero, anunciato come “boom” ed ora ridotto in descrescita. Con dati simili non si potrà mai avere una situazione chiara per stilare un bilancio e formulare ipotesi di lavoro per il futuro!  Occorrebbe un congresso di operatori, amministratori e “osservatori”, a livello regionale, per stabilire linee di chiarezza e criteri di rilevazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *