domenica, Marzo 24, 2019
Home > Economia > Turismo, la retromarcia di agosto in Riviera: 34 mila presenze in meno

Turismo, la retromarcia di agosto in Riviera: 34 mila presenze in meno


di Redazione - 27 Settembre 2017, 13:03

Nei primi 8 mesi dell’anno il movimento turistico nelle strutture ricettive della provincia di Savona ha registrato 4 milioni 550 mila giornate di presenza, con un incremento di 23 mila giornate rispetto allo stesso periodo del 2016 (+0,5%). Le presenze complessive della Liguria, nello stesso periodo, sono state pari a 11 milioni 950 mila, con un aumento di 320 mila nei confronti del 2016 (+2,7%). Conseguentemente, il peso del turismo savonese sul totale regionale è sceso, in un anno, dal 38,9% al 38,1%, perdendo quasi un punto percentuale. I numeri sono forniti dall’Osservatorio Turistico Regionale e riguardano, per quanto riguarda il mese di agosto, le strutture ricettive che hanno comunicato i dati, ovvero circa il 94% del totale. Peraltro quest’anno le attività ricettive registrate dall’Osservatorio sono cresciute a livello regionale di 153 unità (da 4.668 a 4.821) per cui i dati del movimento appaiono ormai consolidati.

A “tradire” il turismo savonese, dopo un giugno brillante (+9,7%), sono stati i mesi di punta della stagione stiva, luglio (-1,3%) e soprattutto agosto (-2,7%). E a frenare sono state soprattutto le presenze negli esercizi alberghieri, con il -1,7% di luglio e il -3,5% di agosto. Del resto, tranne che nei mesi invernali, gli esercizi extra-alberghieri (dai campeggi ai B&B alle case in affitto) hanno sempre registrato performance migliori degli alberghi.

Il mese di agosto ha finito per confermare la tendenza, apparentemente strana, emersa nel corso dell’anno. Con Savona alle prese con un preoccupante segno negativo (34 mila giornate in meno) mentre il resto della Liguria ha visto crescere in modo importante il numero delle presenze: Genova +4,0%, La Spezia +3,9%, Imperia +3,1%. Lo stesso trend che aveva caratterizzato il mese di luglio e che probabilmente finirà con l’essere confermato nel bilancio turistico annuale. Infatti, a fronte del +0,5% di Savona nel periodo gennaio – agosto, La Spezia ha fatto segnare +7,5%, Imperia +3,5% e Genova +2,6%.

Problemi strutturali? Qualità dell’offerta? Minore attrattività? Tipologia della clientela? Il dibattito è aperto. Certo è che il mancato “boom” – messo un po’ troppo precipitosamente in preventivo nei mesi primaverili – non dipende dalla difficoltà di raggiungere la Riviera savonese, come affermato da qualche assessore.  Perché è sicuramente più difficoltoso raggiungere Imperia, La Spezia e la stessa provincia di Genova, tutte destinazioni dove arrivi e pernottamenti sono aumentati in numero consistente. Anzi, forse, e paradossalmente, può essere vero il contrario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *