lunedì, Aprile 22, 2019
Home > Cultura e Musica > Ultima settimana per visitare la mostra “Altare Vetro Arte”

Ultima settimana per visitare la mostra “Altare Vetro Arte”


di - 3 Gennaio 2012, 11:20

Sarà visitabile fino all’8 gennaio 2012 la rassegna ‘ALTARE VETRO ARTE’. Tre artisti liguri – Luciano Fiannacca, Enzo L’Acqua, Renza Sciutto – hanno affidato la loro espressività alla vetro fusione ed espongono le loro opere realizzate all’interno del Museo di Altare accanto ad altre realizzate in Germania presso la DERIX GLASSTUDIOS di Taunusstein-Wehen, azienda che si occupa di Vetro per l’Architettura.

La manifestazione, ideata da Mariateresa Chirico ed Enzo L’Acqua, promossa dall’ISVAV (Istituto per lo Studio del Vetro e dell’Arte Vetraria) e dal Museo dell’Arte Vetraria Altarese, fa seguito alla precedente rassegna dedicata al design e intende proporsi come un appuntamento ricorrente, che ogni anno andrà a coinvolgere designer e artisti, invitati a cimentarsi con il materiale vetro, all’insegna delle specificità della produzione altarese e usufruendo delle possibilità tecniche presenti nel Museo. Sarà inoltre possibile visitare la mostra “Natale SottoVetro. Curiosità, fantasia d’arte nel vetro”. Giunta alla terza edizione, la tradizionale mostra natalizia punta quest’anno sulla fantasia. Tradizionalmente legata al vetro d’uso, la scuola vetraria di Altare ha concepito nei secoli una serie incredibile di oggetti geniali, tanto indispensabili ed usuali nella vita di ogni giorno, quanto estrosi e originalissimi nella realizzazione. La mostra spazia entro ed oltre i confini del piccolo borgo appenninico ligure, raccogliendo in una seducente raccolta preziosità rare provenienti anche da diverse collezioni private. Esigenze, tecniche e professionalità che si perdono nella notte dei tempi e che sono lo specchio delle usanze e delle necessità di un’intera popolazione. Inoltre, rientrano a pieno titolo nelle celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia alcune bottiglie raffiguranti i personaggi più significativi del Risorgimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *