Attualità

UN’ ANIMA LATINA: DINA CASTIGLIEGO

All-focus
All-focus

Chi possiede un Lp ha il vantaggio di poter ammirare affascinanti immagini di copertina, a volte vere delizie artistiche. Se avete acquistato il disco “Anima Latina” di Lucio Battisti (1974), avrete notato un gioioso gruppo di bambini che giocano e danzano in un prato attorno ad una bellissima donna. Colei che è stata fotografata si chiama Dina Castigliego, da anni vive a Savona. Per descriverla, valgono ancora oggi le parole del fotografo Cesare Montalbetti, autore degli scatti:
«Il titolo del disco ispirò l’immagine, così decisi di rappresentare l’anima latina con la figura di una donna florida, ma dallo sguardo triste. Dina, una signora dalla simpatia esplosiva, l’avevo già fotografata per la copertina dei Flora Fauna Cemento. Attorno le radunammo, sul prato del Mulino, una schiera di bimbi, tutti figli dei nostri amici. Con l’ausilio di pentole, coperchi, trombe e trombette si organizzò un baccanale MONTALBETTI, Cesare (2007) Lucio nelle fotografie di Cesare Montalbetti. Rizzoli editore, Milano.
C.V: “Ciao Dina, grazie per aver concesso un’intervista all’ Eco di Savona. Prima di tutto, come stai?”
Dina: “Ma sai, ormai ho 87 anni.”
C.V “In genere non si chiede mai l’età ad una signora, ma tu non hai avuto problemi a dichiararla, anzi, quasi te ne vanti; forse perché non li dimostri?”.
Dina: “Eh, già. Dall’epoca della copertina ne è passato di tempo (45 anni), ho avuto varie vicissitudini, tutto sommato direi di essere ancora bella e in grandissima forma.”
C.V: “Hai ragione, ti trovo bene. Inoltre in una mise natalizia” (indossa un maglione rosso, pantaloni neri, sgargianti collane d’oro).
Dina: “Eh sì. Mi sono sempre piaciuti i colori accesi. Sono o no un’anima latina?”
C.V: “Vero. Sono curioso di sapere come mai appari sulla copertina di Anima Latina”.
Dina: “Mi aveva chiamato il fotografo Cesare Montalbetti, mi aveva chiesto se ero disponibile per un set fotografico. Mi pare fosse giugno o luglio. Ci siamo recati nella casa di Mogol, quella con il Mulino.”
C.V :”Il set era la casa di Mogol?”
Dina: “Si era lui che si occupava delle copertine dei dischi e in generale di tutto ciò che riguardava l’immagine di Lucio. Come hai potuto vedere la giornata era splendida. Cesare (Montalbetti) mi ha chiesto di cantare e ballare insieme ai loro figli (di Lucio e Giulio). L’abbiamo fatto, divertendoci parecchio. Mi pare che dalla copertina si possa notare l’atmosfera allegra e gioiosa. Successivamente nella stessa giornata con Cesare abbiamo fatto anche altri scatti”.
C.V: “Hai conosciuto e lavorato con il fantastico duo della musica italiana: Mogol/Basttisti, cosa ci puoi dire di loro?
Dina: “Lucio era una persona semplicemente meravigliosa. Mi conosceva già da prima di quella copertina. Io ero cantante di musica lirica. Mi avrebbe preso anche fra le sue coriste, ma il gruppo era già formato. Giulio Rapetti (Mogol), è una persona fantastica. Curava ogni aspetto, ogni dettaglio, sempre gentile, cordiale, simpatico, divertente. Ero anche molto amica di Grazia, la moglie di Lucio, persona poco conosciuta dal grande pubblico, donna squisita, deliziosa.”
C.V: “Da quel che racconti mi pare tu sia stata una personalità artistica polivante.”
Dina: “Ma certo! Io ho fatto più di 30 film, recitato nella pubblicità: “Carosello.” Partecipato a “Drive In”. Ho recitato in “Licia dolce Licia” (per chi ha visto la serie ha interpretato il ruolo della nonna di Marrabbio) con Cristian D’Avena.”
C.V: “Davvero un bel curriculum.”
Dina: “Come ti ho già detto avevo iniziato cantando musica lirica. Ho lavorato con moltissimi personaggi del mondo dello spettacolo, alcuni li ho conosciuti prima ancora che diventassero famosi: Celentano, Teoccoli, Dorelli, Kramer (all’epoca uno tra i suoi molti corteggiatori).”
C.V: Lo sai di essere su Wikipedia?
Dina: “No ma sai, io quelle cose lì non le uso. Se qualcuno si ricorda del mio lavoro artistico, vuol dire che ero brava, che ho lavorato bene. Altrimenti perché mi intervisteresti?”
C.V.: “Giusto. Ottima osservazione. Da quanto tempo vivi a Savona?.”
Dina: “Lavoravo molto, vivevo a Milano. Ogni weekend cercavo di scappare al mare per rilassarmi. Poi ho vissuto per 30 anni a Stella (San Giovanni) e da dieci vivo a Savona. Ormai ho perso i contatti con i miei colleghi. Mi piacerebbe sapere che fine hanno fatto. Se sei interessato avrei da raccontarti di quella volta in cui con la Carrà…”
Dina è ricca di anedotti e racconti, potrebbre continuare per tutta la giornata. A malincuore devo finire l’intervista. Sono sicuro che torneremo ad occuparci presto di lei. Nuovamente grazie Dina, vera Anima Latina.

1 commento

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: