domenica, Settembre 22, 2019
Home > Attualità > Un anno fa’: il Ponte Morandi ancora negli occhi e nel cuore

Un anno fa’: il Ponte Morandi ancora negli occhi e nel cuore

Il ricordo delle vittime sia di stimolo per ricostruire

Un anno fa’, alle 11.36, sotto una pioggia torrenziale, crollava il Ponte Morandi, con il suo seguito di vittime – gli sfortunati quarantatrè – e di dolore. L’ardita costruzione, progetto di uno dei massimi esperti italiani dell’impiego del calcestruzzo, Riccardo Morandi (1902-1989), simile ad altre sue realizzazioni, come il viadotto autostradale Carpineto, in Basilicata, o come il viadotto di Wadi-el-Kuf, in Libia, era un simbolo della Genova degli anni 1960, divenuta, con la Fiera, la sopraelevata e piazza Piccapietra, una  metropoli moderna e proiettata verso il futuro. Invece si è dovuto fare i conti con la fallibilità delle cose umane, sempre in agguato, con l’incertezza, con l’inevitabile usura delle strutture e con tutta la sequela di dubbi e si speculazioni politiche che ne sono conseguite, ignorando subito, tra tutte le ipotesi espresse o sparate da più parti, senza con ciò nulla condonare ad altre mancanze di responsabilità,il parere autorevole di uno dei massimi esperti italiani di ingegneria, il professor Giuseppo Mancini di Torino, che intravvide la causa del crollo in un difetto di progettazione che non teneva conto di fenomeni, cui è soggetta la tecnica degli stralli, non noti negli anni in cui si iniziava ad impiegarla; comunque le parole del professor Mancini, per chi volesse approfondire l’interessante argomento, sono reperibili in rete. In più, in un momento non dei più felici, per l’economia, a livello nazionale, il tragico evento è stato visto come un segno di avversità e di declino, specie a Genova, provata varie volte, negli ultimi anni, da calamità di origine atmosferica. Ma qualcuno, pur con la tristezza nel cuore, a partire dal Cardinal Bagnasco, Arcivescovo di Genova, ha sentito la voce della ragione e della speranza ed ha parlato di rinascita! Ne è succeduta una maggiore attenzione per Genova, un ritorno del nostro capoluogo al centro dell’attenzione, che ha messo ancor più in rilievo la bellezza ed il patrimonio artistico della città, che già le erano valsi il titolo per essere riconosciuta, nel 2004, insieme con la francese Lille, capitale europea della cultura. La vocazione turistica di Genova, riscoperta maggiormente in anni recenti, va pertanto giustamente considerata come un’opportunità di sviluppo e di crescita di importanza, senza ovviamente sottovalutare le attività industriali e portuali di cui il capoluogo vive. Al nuovo ponte pertanto, di cui è iniziata la costruzione, dopo la definitiva demolizione, terminato lunedì scorso, del Morandi inugurato nel 1967; a nuove infrastrutture che possano collegare Genova al mondo in un ‘era in cui le comunicazioni diventano sempre più veloci. Sperare in un futuro in cui si deve sperare è il miglior omaggio che si possa rendere alle quarantatre vittime, viaggiatori e passeggeri sfortunati di un giorno qualunque!

Ancora ieri sera, alla trasmissione “Grand Tour” di Rai Uno, Genova è stata al centro dell’attenzione, con la riproposta dei suoi panorami, dei suoi luoghi più noti e, soprattutto, di stupefacenti angoli un po’ più segreti.

L’omaggio alle vittime verrà espresso da più parti; a Celle Ligure, dove lo scrivente risiede, l’Amministrazione Comunale terrà una semplice ma sentita cerimonia di commemorazione di fronte al Palazzo Comunale, al suono del Silenzio e di 43 rintocchi di campana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *