Lettere alla redazione

Un appello da Azione Riformista

‘Da quel fatale giorno in cui urlammo alle fredde stelle – noi non siamo tangentopoli, noi siamo uomini socialisti – lanceremo questa notte il guanto della sfida contro lo spaventoso volto dell’ingiustizia, stanotte noi ascenderemo nell’alto dei cieli. sfideremo i terremoti, comanderemo i tuoni, penetremo fino al grembo profondo della politica’ (parafrasando, dal film ‘Frankenstein Junior’). 

Non ci vergogniamo a dirlo, noi di ‘Azione Riformista’ siamo di coccio, impenitenti inguaribili, centinaia di volte abbiamo scritto e scrufuliato gli amici compagni socialisti savonesi, in primis del PSI, sperando in una loro reazione fisiologica di riflesso come nella rana di Volta, sempre in attesa di ricevere ‘quattro parole quattro’ di riscontro non fosse altro per significare che se anche la speranza è ormai perduta, la vita a dispetto e malgrado continua: ci ripetiamo, insistiamo, megafoniamo, siamo a disposizione per ospitare liberi commenti, congiuntivi e disgiuntivi, fucilate e quant’altro. Per come a tutt’oggi, amici compagni del garofano (e in questi ultimi tempi del crisantemo) non ci scandalizziamo affatto, essendo vaccinati, dell’andamento delle cose (‘cosaccie’?: non lo abbiamo detto noi, ci dissociamo) del partito, del PSI nello specifico, del quale in verità a pochi frega veramente se non come secchio (ormai bucato) di promesse di voti al PD in occasione di elezioni per carpirne qualche cioccolatino. E’ vero che la politica è cinica, alimenta suggestioni negative, acclama furbizie e spregiudicatezze, ma, pensare che non si possa cambiare è moralmente indecente oltre che peccato grave, che risposte daremo un domani ai nostri figli e nipoti quando chi chiederanno a proposito? Certo che i recenti esempi di casa nostra non sono propriamente edificanti, ricordiamo il repentino trasloco dell’ex segretario Pietro Licalzi dal Psi al PD con gratificazione d’incarico e relativa pecunia, l’abbandono di Franco Costantino dimissionario con motivazioni per altro condivisibili. Eppure, poco tempo prima, in alcuni loro interventi, questi ‘lor signori’ blateravano ai quattro venti ‘vi strabilieremo con fuochi di artificio, occuperemo la politica savonese che dovrà darci atto del nostro importante ruolo, il partito volerà alto’; e noi che siamo creduloni, ogni tanto a volgere lo sguardo al cielo a cercare uno di quei palloncini sfuggiti dalle mani dei bimbi e, intavvedendolo, con gioia gridare ‘quello è il PSI savonese’. E’ vero, celiamo ogni tanto, mischiando buone ragioni con intemperanze, ma lo facciamo per smorzare l’abulia e quell’odore di stantio che sale dalle segreterie di partito, a volte ci sentiamo come quelle mosche smarrite che sbattono ripetutamente contro i vetri delle finestra in cerca di una via di uscita per poi cadere stramortite dalla sforzo. Noi, di ‘Azione Riformista’, e con noi in sintonia ‘Futuro è Socialismo’, ‘Linea Socialista’, ‘the Socialist’, ‘il Movimento’ (e scusate le dimenticanze, non volute) cerchiamo di resistere, di intravvedere oltre il muro dell’indifferenza, ogni giorno a combattere nell’intento di risvegliare coscienze sopite, orgoglio imbolsito, coraggio smarrito. A furia di ‘menare’ con questi nostri scritti, un paio di lettori, socialisti della tracorsa stagione del PSI, o ex, (e qui il rammarico si fa forte per il volontario estraniarsi delle ‘menti pensantI, nel bene e nel male, della vecchia guardia,’ a tale proposito ricordiamo Paolo Caviglia, Franco Carega, Renato Pezzoli, Giancarlo Ferraro, Isma Marchi, Giovanni Laterza, Gianni Gigliotti), ci hanno scritto suggerendoci un modo per cercare di ricompattare tutte le anime socialiste savonesi attualmente ‘fuori come balconi’, in un unico partito, senza figli e figliastri, senza appendici (in corso dolorose ‘appendiciti’ non curate) che ‘l’unione fà la forza’, con conseguenti prospettive politiche rivalutate e maggiore peso contrattuale con gli altri partititi che sarebbero così obbligati a meglio considerarci e rispettarci. Al di là delle parole, facili a dirsi, ma anche a smarrirsi come foglie sospinte dal vento, il percorso indicato da questi nostri lettori è (appare) tanto disarmante nella sua semplicità quanto fattibile nella concretezza:  – azzeramento totale di tutti i Direttivi al momento in carica, PSI e Associazioni esterne; – confluenza unica nel PSI, partito ufficiale Nazionale, con libera iscrizione e tessera nominale, senza alcuna discriminazione di parte; – nell’immediato, Assemblea Congressuale Costituente, una ‘agorà dell’incontro, del dialogo e delle idee, con elezione di un nuovo Direttivo.  Se si vuole si può fare, o almeno tentare, se non si vuole è perchè albergano reconditi e malevoli interessi personali. Non sarebbe corretto, anche doloroso, rivelare il numero veritiero degli iscritti al PSI, così come delle altre Associazioni ma è certo che lo spirito socialista a Savona mai si è eclissato, sempre protagonista nei momenti bui come in quelli felici, Sandro Pertini esempio straordinario, un tempo abbiamo contato molto, oggi poco per cause avverse, ma il futuro non può che essere nostro considerato il vuoto a perdere degli altri partiti. Compagni! smettiamola con questa enorme stupidità, diamoci una mossa e iniziamo, da subito, a costruire il nostro futuro. (Per chi volesse intervenire, condividere questo appello di unificazione socialista, scrivere a info@azioneriformista.it che ne farà partecipe tutti i soggetti in causa).

Gianni Gigliotti

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: