giovedì, Agosto 22, 2019
Home > Attualità > Un comitato di assistenza sanitaria per i testimoni di Geova

Un comitato di assistenza sanitaria per i testimoni di Geova

Per aiutare i medici e il personale ospedaliero a comprendere la posizione religiosa dei testimoni di Geova riguardo alle trasfusioni di sangue e a rendersi conto che i Testimoni accettano terapie alternative, la Watch Tower Society ha istituito da alcuni anni anche a Savona il Comitato di assistenza sanitaria. Il presidente di detto Comitato, il signor Bonvini di Pietra Ligure con altri quattro collaboratori visita il nosocomio della città e di Cairo Montenotte per parlare con i medici.  “I comitati fanno sforzi straordinari per trovare e contattare medici disposti ad andare incontro alle credenze dei Testimoni e per ottenerne la collaborazione – commenta un collaboratore – naturalmente il Comitato di assistenza sanitaria va ben oltre il personale medico, poiché lavora anche per stringere relazioni con ospedali, operatori sanitari, avvocati e giudici. . .

L’uso di sangue comporta pericoli notevoli e il Comitato di assistenza sanitaria ha senz’altro il compito di mettere in evidenza questi pericoli e di richiamare l’attenzione del personale medico sulle alternative”. Ogni membro del comitato sanitario viene preparato affinché sia in grado di procurarsi le essenziali informazioni demografiche, valutare con rapidità l’atteggiamento di medici e ospedali e determinare accuratamente quanto è grave l’emergenza e se c’è pericolo che l’ospedale intenti un’azione legale, chiedendo ad esempio un’ordinanza al tribunale per somministrare la trasfusione. I membri dei comitati sanitari sono stati preparati per rispondere a molte domande comuni, fatte sia da ospedali che da medici, e ogni tanto anche dai Testimoni stessi. Le decisioni giudiziarie che costituiscono il fondamento per difendere il diritto dei Testimoni all’autodecisione in campo sanitario sono materia di interessanti discussioni. In realtà, questa rete di servizi di supporto è essenziale per fare rispettare gli specifici diritti che ognuno di noi ha e gli inconvenienti cui va incontro quando chiede trattamenti medici alternativi.
Nel contempo la ragionevolezza di questa presa di posizione scritturale è stata regolarmente sostenuta da un gran numero di nuove scoperte scientifiche sia sui pericoli delle trasfusioni omologhe che sulla sicurezza delle alternative alle trasfusioni . A livello internazionale, poi, i comitati sanitari si stanno impegnando per colmare il divario tra la classe medica e i testimoni di Geova attraverso un dialogo significativo e la comprensione reciproca. I risultati sono soddisfacenti. Un numero sempre crescente di medici si rende ora conto che con una buona assistenza medica e l’impiego di abili tecniche chirurgiche si può senz’altro venire incontro alle credenze dei testimoni di Geova. A livello mondiale più di 100.000 medici sono disposti a far questo. L’obiettivo generale di stato quello di promuovere maggior cooperazione e rispetto e in tal modo evitare tensioni. Tutti coloro che si sono impegnati in tal senso sono convinti che questo obiettivo è stato raggiunto con risultati davvero soddisfacenti, anche nella nostra Regione.

Elena Zoppi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *