sabato, settembre 22, 2018
Home > Cultura > Un concerto da non perdere al Carlo Felice di Genova

Un concerto da non perdere al Carlo Felice di Genova


di Claudia Sugliano - 9 marzo 2018, 12:00

La stagione del Carlo Felice continua a riservare piacevoli sorprese. Domenica 11 marzo  alle ore 16  propone, infatti, un concerto che si annuncia di grandissimo interesse, uno dei momenti clou della programmazione. Krystian Zimerman, tra i più grandi pianisti viventi, suonerà per la prima volta con l’orchestra del teatro genovese, diretta da un altro musicista polacco di spicco, Grzegorz Nowak.

L’ex bambino prodigio Zimerman si è imposto all’attenzione della scena musicale internazionale con la vittoria, nel 1975, a soli diciotto anni, del Concorso Chopin  di Varsavia. Da quel momento è iniziata la sua collaborazione per concerti, incisioni discografiche (divenute di riferimento), tournée, con i principali direttori d’orchestra, Karajan, Abbado, Muti, Bernstein, Giulini. L’eccezionalità dell’evento al Carlo Felice deriva anche dal fatto che il pianista polacco  non tiene più di 50 concerti all’anno e si esibisce solo con il proprio strumento, che trasporta personalmente su un apposito camion, proprio per  avere un suono di altissima qualità, grazie ad un pianoforte che rimane sempre sotto il suo diretto controllo.

Nella sua straordinaria carriera artistica Zimerman ha avuto un sodalizio di 13 anni  con Bernstein, a cui era legato anche da profonda amicizia, ed è per celebrare il centenario del grande compositore e direttore d’orchestra  statunitense, che egli  propone  per tutto il 2018  e nei vari paesi del mondo in cui si esibisce la sua Sinfonia N° 2, “The age of anxiety”. Si tratta di un poema sinfonico per pianoforte e orchestra, che  evoca  i disagi e le ansie dell’uomo contemporaneo, ed è considerato tra i capolavori di Bernstein.

Grzegorz Nowak dirigerà l’orchestra in altri due brani, il trascinante Le Carnaval romain di Hector Berlioz e, in chiusura, i celeberrimi Quadri da un’esposizione di Modest Mussorskij, eseguiti non  nell’orchestrazione di Ravel, ma in quella di Sergej Gorchakov, più rispettosa del legame di questo capolavoro pianistico con la musica popolare russa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *