Attualità

Un TG3 con pericolose lacune

Esempio di cattiva informazione quanto avvenuto nel telegiornale della Rete 3 della Televisione di Stato, mercoledì 15 maggio, alle ore 14,20. Apertura dedicata agli arresti sul caso Ilva di Taranto: “Permessi illeciti per ottenere l’autorizzazione ambientale con la quale l’Ilva ha potuto continuare a produrre e inquinare!”.

Continua la giornalista in studio Floriana Bertelli: “Con queste motivazioni sono finiti in manette il presidente della provincia di Taranto, l’ex assessore all’ambiente, l’ex segretario dell’ente locale e Girolamo Archinà, già in carcere (l’uomo dell’Ilva). Per la procura di Taranto avrebbero svenduto la propria città e messo a repentaglio la salute di migliaia di persone”. Segue un bellissimo-terrificante servizio di Pier Damiani D’Agata che fa nomi e cognomi, svela fatti e antefatti ma, come la collega, dimentica alcuni piccoli, piccolissimi particolari, come ad esempio il fatto di dire che il presidente della Provincia appartenga al Partito Democratico, idem per l’ex assessore all’ambiente. Sciochezzuole. Medesima ripetizione di dimenticanza (?) anche nel servizio serale. Viene in mente il ritornello di una pubblicità famosa: “Vi piace vincere facile!”. Ma non è così che si fa corretta e imparziale informazione (nella foto, l’Ilva di Taranto).

Laura Sergi

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: