martedì, dicembre 18, 2018
Home > Attualità > Un treno dall’Italia alla Cina

Un treno dall’Italia alla Cina


di Pino Rosso - 27 dicembre 2017, 10:50

Per via della seta si intendeva un reticolo di percorsi, composti da itinerari terrestri, marittimi, fluviali,  lungo i quali già in antichità si svolgevano i commerci tra Impero Cinese e Impero Romano. Partiva dall’Asia Centrale,per giungere, attraverso il Medio Oriente, al Mediterraneo, cercando di evitare gli impervi monti dell’Himalaya.

Ovviamente, la seta non viaggiava da sola, ma con altre merci, unitamente a concetti religiosi e scientifici (matematica,geometria, chimica e astronomia) Questi scambi furono importanti non solo per lo sviluppo delle civiltà antiche,ma anche per mettere le basi del mondo moderno. La prima traccia risale al 114 ac, al tempo della dinastia AN. La via della seta sopravvisse fino al XV sec, 150 anni  dopo l’impresa di Marco Polo.                                            Ora quel percorso, dopo i corsi e i ricorsi della storia, senza cammelli ma  con una carovana di treni e navi accorcia le distanze nel commercio tra Oriente e Occidente. Per ora è stato attivato un primo convoglio  ferroviario, partito il 28/11/2017 da Mortara (PV) alle 12 portando il meglio dei prodotti italiani, impiegherà 18 giorni, percorrendo 11.000 Km per arrivare a Chengdu (Cina), passando per Polonia,Bielorussia, Russia , Kazakistan. Un progetto per il quale la Cina ha stanziato 60 miliardi e dovrebbe stanziarne altri.                                                                                            La via della seta, passa anche nel futuro dei porti italiani ed è sicuramente un’opportunità: offre possibilità di nuovi commerci. Tuttavia, essendo in mano alla Cina, può diventare anche un rischio di marginalizzazione. Per questo, serve un accordo chiaro per non essere colonizzati, con una strada a senso unico, considerate le nostre difficoltà economiche.

I Cinesi hanno cercato a lungo un approdo a Gioia Tauro, ma difficoltà burocratiche li hanno dirottati sul Pireo, anche se la Cina continua a considerare l’Italia importante interlocutore. Hanno messo gli occhi sul porto di Vado Ligure che sarà pronto per il 2018. Una serie di cambiamenti e di opportunità che sarebbe veramente un peccato non sfruttare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *