domenica, Giugno 16, 2019
Home > Attualità > Un trio magico e “gaelico”

Un trio magico e “gaelico”

Atmosfera “celtica” la sera di domani, sabato 29 dicembre, nella chiesa di San Martino Vescovo, a Bergeggi; sonorità di antiche melodie di Irlanda e di Scozia risuoneranno in un suggestivo concerto, organizzato dall’Amministrazione comunale di Bergeggi, dal titolo  “ A night in Bethlehem “, che prende nome da un bellissimo brano della tradizione irlandese dedicato al Natale.

Il trio  presenta un repertorio tratto dalla letteratura arpistica diffusa in Scozia ed in Irlanda, costituito da meditative e malinconiche melodie ma anche da allegri temi di danza,  legati al tema del Natale:  brani  che  affondano le radici soprattutto nei secoli XVII e XVIII, conducendo l’ascoltatore alla scoperta di un universo musicale affascinante e sorprendente.

Tra i vari compositori che hanno caratterizzato la vita musicale dell’epoca si può ricordare, così ci invita e ci informa il comunicato diffuso per il concerto, per l’originalità delle composizioni e per la notorietà acquisita ,  il leggendario arpista irlandese Turlough O’Carolan , ultimo vate  dell’antica cultura gaelica.

I musicisti del trio  sono tre insigni esecutori nell’ambito della musica tradizionale ed antica in  Italia e sono stati protagonisti di numerose incisioni discografiche, radiofoniche e televisive e di moltissimi concerti e tournée in Italia, Francia, Germania, Inghilterra, Scozia, Irlanda, Danimarca, Finlandia, Spagna, Belgio, Olanda, Svizzera,  Stati Uniti, Giappone , Portogallo e Svezia, pertato non lsciamoci sfuggire l’occasione per ascoltare Luca Rapazzini al violino, Elena Spotti, all’arpa irlandese, Fabio Rinaudo, alla cornamusa irlandese.

L’occasione è propizia per ricordare anche un altro complesso, ligure,di cui Rinaudo fa’ parte, ovvero i “Liguriani”, ricercatori di antichi suoni per risalire ad apporti alla tradizione culturale ligure proveniente da legami ancestrali, con un amore particolare per la musica gaelica, a rivelare il remoto ma storico influsso celtico sulle popolazioni del Norditalia, comprese le liguri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *